A testa alta Simone, lavoratore nel settore slot, racconta la sua storia.

“Sono Simone da Roma e lavoro a Roma con awp a noleggio. Proprio come il collega della Calabria – ho letto la sua lettera – anche io sono del 1990 e purtroppo mi trovo a confermare i calcoli fatti, per far capire a quei capi politici i nostri “guadagni” se così si possono chiamare. Perché dopo che la slot ti incassa 1000 euro te ne rimangono 50 e devi affrontare tutte le tue spese d’azienda. Quello che volevo aggiungere è: tutti i giorni veniamo apostrofati come criminali, spacciatori, strozzini e chi più ne ha più ne metta. La realtà è ben diversa perché mentre il governo si arricchisce con le nostre slot o vlt, noi per quei 50€ che dicevo prima combattiamo tutti i giorni contro criminali o semplici persone che pensano di poterci trattare come vogliono, rischiamo la vita tutti i giorni. Tutto questo per poco e in più ci trattano come truffatori o gente senza etica personale e professionale”.

SE HAI DA DIRE QUALCOSA ANCHE TU, VUOI RACCONTARE LA TUA STORIA DI LAVORATORE DEL GIOCO LEGALE, INVIA UNA EMAIL A [email protected]

o un messaggio via facebook alla pagina Jamma-Il quotidiano del Gioco

Ricordati di indicare il tuo nome