A testa alta Andrea, ex dipendente in sala bingo, racconta la sua storia.

“Sono un ex lavoratore della sala Bingo di Cesano Maderno (MB) e precedentemente a questo momento difficile ho pensato spesso di tornare a lavorare assieme ai miei ex colleghi. Fui io ad andarmene, per la mia compagna, che era stanca di non vedermi durante le feste, i sabati, le domeniche, le notti. Ma vi dico che mi manca molto soprattutto la familiarità con la clientela e la complicità coi colleghi. Solo chi non ha mai lavorato in questo campo critica, perché per fare questi lavori ci vuole amore, passione, determinazione. E che qualcuno si dimentichi di tutto questo mi fa arrabbiare. Il gioco, quello responsabile, è svago. È una coccola. Nulla di diverso dal caffè al bar, dal gelato fuori, della cena tra amici. Spero possiate riaprire tutti, presto. Vi penso. Un ex collega”.

Advertisement

SE HAI DA DIRE QUALCOSA ANCHE TU, VUOI RACCONTARE LA TUA STORIA DI LAVORATORE DEL GIOCO LEGALE, INVIA UNA EMAIL A [email protected]

o un messaggio via facebook alla pagina Jamma-Il quotidiano del Gioco

Ricordati di indicare il tuo nome