(Jamma) – Oggi il tema della formazione riveste un ruolo principale nella discussione, soprattutto politica, che ruota attorno al comparto del gioco pubblico. Da sempre AsTro ha adottato una politica di prevenzione che poggia su una corretta informazione ed una doverosa formazione di chi, quotidianamente, ha un rapporto diretto con gli utenti del ‘prodotto gioco’: assicurare che ogni anello della filiera faccia la sua parte diventa, dunque, un dovere.

In Emilia-Romagna, la legge regionale n. 5/2013 è una delle poche che ha istituito i corsi di formazione obbligatori per titolari e preposti delle sale da gioco finalizzati al contrasto ed alla prevenzione del Gap.

AS.TRO in collaborazione con Articolo 1 e Formart ha fatto tappa in tutte le province dell’Emilia-Romagna per parlare concretamente di gioco, di regole e di situazioni che potrebbero capitare quotidianamente nei locali. Lo scopo è informare i gestori per renderli consapevoli e capaci di individuare ogni problematica inerente la propria professione.
E’ questo l’obiettivo che la regione Emilia-Romagna si è prefissata con la collaborazione di AS.TRO.

La qualificata formazione del personale addetto alle sale gioco, l’accrescimento professionale degli operatori di gioco, l’illustrazione della normativa di accesso ai punti di gioco, il divieto di gioco ai minori e la normativa antiriciclaggio saranno gli argomenti principali trattati nel corso dell’incontro di oggi, a Reggio Emilia, con l’Avv. Michele Franzoso.

Il prossimo appuntamento con la formazione Astro in Emilia-Romagna è previsto il prossimo 28 novembre a Forlì.

AsTro

Commenta su Facebook