Ripamonti
Avv. Marco Ripamonti
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Sono state pronunciate la settimana scorsa numerose assoluzioni riguardanti procedimenti penali aperti a seguito del Bando Monti nei confronti di titolari di centri collegati a bookmaker austriaco all’epoca privo di concessioni.
I Tribunali di Frosinone, Ravenna e Velletri hanno assolto con ampia formula “il fatto non sussiste” i rispettivi imputati, assistiti dall’avv.Marco Ripamonti, il quale ha sostenuto come gli stessi imputati operassero in collaborazione con bookmaker discriminato dal Bando Monti ai fini dell’accesso al sistema concessorio, in quanto ammesso a partecipare alla gara ma non risultato aggiudicatario dei cento diritti richiesti.

La difesa ha inoltre evidenziato come i titolari avessero tutti avanzato richiesta di licenza 88 tulps, vedendosela negare per la carenza del titolo concessorio in capo alla Società austriaca preponente.

In particolare, dinanzi al Tribunale di Frosinone, i diversi imputati hanno potuto beneficiare della sentenza resa dallo stesso Tribunale nel luglio scorso, riguardo al medesimo operatore, con cui si è affermata la applicabilità al medesimo ed ai suoi preposti dei principi della Sentenza CGE Laezza alla condizione, in effetti dimostrata, che la partecipazione alla gara non avesse comportato aggiudicazione alcuna, ovvero che l’operatore non avesse partecipato, dimostrando però le ragioni della propria discriminazione.

Commenta su Facebook