Il numero di sponsorizzazioni da parte di società di scommesse e di gaming  in Premier League e Championship è diminuito per la prima volta dal 2013.

Il numero delle  sponsorizzazioni nella Premier League e nel campionato inglese da parte dei marchi del gaming è diminuita per la prima volta in sette anni.

Il numero di squadre nelle prime due divisioni del calcio inglese che hanno una società di gioco d’azzardo come sponsor principale di maglia è sceso a 19, in calo da 27 (61% dei club) rispetto alla stagione scorsa 2019/20.

È la prima volta dal 2013 che si registra un calo. In quell’anno il numero di sponsorizzazioni era sceso da otto a cinque. 

Nella stagione 2017/18, le società di gioco d’azzardo sono state i principali sponsor di 22 club (50%). Il numero è salito a 26 club (59%) nel 2018/19 e 27 club (61%) nel 2019/20.

Le squadre con accordi in atto per la nuova stagione, che inizierà sabato 12 settembre, includono Burnley (LoveBet), Crystal Palace (W88), Fulham (Dafabet), Leeds United (SBOTop), Newcastle United (FUN88), West Ham United ( Betway), Wolverhampton Wanderers (ManBetX) e Bristol City (MansionBet).