Le lotterie statali spagnole rappresentano almeno il 34% della spesa pubblicitaria di gioco d’azzardo del paese, ma saranno esentate dalle restrizioni sulla pubblicità da parte del governo spagnolo, una mossa che EGBA considera discriminatoria e potenzialmente in conflitto con le norme sugli aiuti di Stato dell’UE

Si prevede che a breve il Ministero spagnolo dei consumatori introdurrà nuove restrizioni sulla pubblicità del gioco d’azzardo, che porteranno a un divieto quasi completo della pubblicità. In base alle restrizioni, la pubblicità del gioco d’azzardo sarebbe consentita solo di notte tra l’1.00 e le 5.00 e ci sarebbe il divieto totale di sponsorizzare il gioco d’azzardo di maglie sportive, divise e stadi. Ma le più grandi società di gioco d’azzardo e inserzionisti, le società di lotterie statali del paese, ONCE e SELAE, saranno esentate dalle misure.

EGBA ritiene che la decisione di concedere alle lotterie statali un’esenzione dalle restrizioni sia discriminatoria nei confronti delle società private e, consentendo i privilegi pubblicitari delle lotterie statali, potrebbe essere potenzialmente in conflitto con le norme dell’UE sugli aiuti di Stato.

Le lotterie statali sono di gran lunga i maggiori inserzionisti di giochi a distanza del paese

Le lotterie statali rappresentano il 65% delle entrate del mercato del gioco d’azzardo spagnolo e almeno il 34% della spesa pubblicitaria per il gioco d’azzardo del paese, rendendole di gran lunga i maggiori inserzionisti di giochi a distanza del paese, secondo l’Associazione spagnola degli inserzionisti (AEA). L’AEA conferma che la compagnia di lotterie statale ONCE è undicesima nell’elenco di tutte le società che hanno speso di più in pubblicità lo scorso anno, spendendo 49 milioni di euro, il 34% della spesa pubblicitaria totale del settore del gioco d’azzardo (145,6 milioni di euro).

Le restrizioni non sono guidate da prove

Mentre il governo spagnolo ha giustificato le sue misure sulla base della protezione dei consumatori e del contrasto alla “normalizzazione del gioco d’azzardo da parte dello sport”, un recente studio dell’Università di Madrid ha rilevato che il paese ha un tasso di gioco problematico dello 0,3%, uno dei più bassi nel mondo. Inoltre, secondo AEA, il gioco d’azzardo è basso, quindicesimo tra tutti i settori pubblicitari, in termini di numero di cittadini che ricordano di aver visto o sentito un annuncio.

EGBA sostiene fortemente le politiche basate sull’evidenza che proteggono i cittadini dai danni causati dal gioco d’azzardo e si impegna a promuovere una pubblicità responsabile nel settore del gioco d’azzardo. A questo proposito, EGBA ha recentemente pubblicato delle linee guida per le società di gioco d’azzardo online per promuovere un gioco d’azzardo più sicuro e una pubblicità responsabile durante COVID-19 e un codice di condotta per la pubblicità responsabile, entrambi approvati e supportati dall’associazione spagnola delle società di gioco d’azzardo online (JDigital) .

Maarten Haijer, Segretario generale EGBA: “Esortiamo il governo spagnolo a riconsiderare le sue restrizioni pubblicitarie perché mancano dati a sostegno delle misure e la concessione di privilegi pubblicitari alle società statali rispetto a quelle private potrebbe essere in conflitto con norme dell’UE sugli aiuti di Stato. Le restrizioni discriminano chiaramente le società private e favoriscono gli interessi economici delle lotterie statali, che sono di gran lunga i principali inserzionisti del paese nel settore del gioco d’azzardo. E mentre EGBA sostiene pienamente la pubblicità responsabile, l’ambito e il tipo di restrizioni proposte non sono giustificate dalle prove disponibili, tra cui il tasso di gioco problematico relativamente basso del paese e la sensibilizzazione del pubblico notevolmente inferiore verso la pubblicità del gioco d’azzardo rispetto ad altri importanti settori pubblicitari”.