Il Consiglio regionale del Piemonte a maggioranza ha approvato la legge di riordino. Il provvedimento ha modificato alcune leggi regionali semplificandole, aggiornandole alla legislazione nazionale e attualizzandole alla nuova realtà del Piemonte. I temi toccati sono numerosi: dal turismo allo sport, dal commercio alla cultura, dalle cave all’agricoltura, dalla caccia all’ambiente, dal personale all’assistenza, dall’artigianato alla casa.

Durante la discussione è stato approvato un emendamento a firma del consigliere Paolo Ruzzola (FI) che introduce una modifica al disegno di legge n.143, l’articolo 72 nonies, il quale sostituisce la lettera b) del comma 2 dell’articolo 19 rubricato “Limitazioni all’esercizio del gioco”. Si stabiliscono gli orari di interruzione per gli esercizi definiti come punti gioco (di cui all’articolo 3, comma 1, lettera e) in “dodici ore e trenta minuti al giorno, di cui dieci ore e trenta minuti consecutive nella fascia notturna dalle ore 23.00 alle ore 9.30 e due ore nella fascia diurna di uscita dalle scuole, dalle ore 12.30 alle ore 14.30”.