I beneficiari sono dieci esercizi commerciali che aderiscono al marchio “Slot free ER”. Il fondo sostiene i progetti delle attività libere dal gioco d’azzardo

Sono dieci gli esercizi commerciali modenesi che hanno partecipato al bando “Slot free” promosso dal Comune di Modena e che riceveranno un contributo fino al 2.500 euro per il miglioramento e la promozione delle loro attività, libere dal gioco di azzardo.

Giunto alla quarta edizione, arrivata dopo oltre due anni di sospensione a causa della pandemia, il bando “Slot free” è indirizzato ai gestori di pubblici esercizi che aderiscono o intendono aderire, presentando domanda contestualmente al bando, al marchio “Slot Free ER”.

Tra i progetti che ricevono il contributo ci sono la programmazione di eventi musicali, di un campo estivo, di serate di giochi e degustazioni di prodotti tipici, e la realizzazione di uno spazio libreria e di uno spazio giochi e bookcrossing, ma anche l’acquisto di mobili, software, impianti per musica e video e l’esecuzione di lavori per migliorare il locale.

I beneficiari del contributo sono la tabaccheria Barboni Lorenzo, il Circolo culturale Left, la Polisportiva 4Ville, i bar con ristorazione Stile Libero, Fusorari, Molinari, Cento18, L’altro caffè, La Lambruscheria, Calibrata.

Per l’edizione 2022 del Bando, il Comune di Modena ha aumentato fino a 2.500 euro il contributo massimo concedibile che, nel 2020, era di 500 euro per ciascun progetto. Il bando ammette a contributo le spese sostenute per migliorare l’immagine e la fruizione degli spazi, interni ed esterni, del locale pubblico e per ampliare o consolidare il prodotto e il servizio offerto ai clienti. Sono ammesse anche le spese per riqualificare il sistema organizzativo e gestionale, attraverso l’adozione di nuove dotazioni informatiche, soluzioni tecnologiche, applicazioni digitali, acquisto di hardware e software, e le spese per la formazione e qualificazione del personale. Sono finanziabili le spese e effettuate tra l’1 maggio e il 31 dicembre 2022.

Promosso dalla Regione, il marchio “Slot free ER”ha l’obiettivo di dare valore, attraverso una vetrofania applicabile alla vetrina, alla scelta degli esercenti che hanno deciso di non installare nei loro locali slot machine.

Il bando “Slot free” fa parte delle azioni avviate dal Comune di Modena per promuovere una cultura della legalità e della cittadinanza responsabile che ha visto anche l’attivazione di un Tavolo legalità al quale partecipano esponenti del mondo economico e produttivo, gli ordini professionali e la rete delle associazioni che già collaborano con il Comune, e l’istituzione del Centro di documentazione e studi sulla legalità con l’obiettivo di dare un’impostazione scientificamente validata e competente alle azioni programmate sulla base dei contenuti e degli ambiti di intervento del “Testo Unico Legalità” della Regione Emilia-Romagna.

Articolo precedenteCampionato Europeo di Trotto, UET sceglie il Gran Premio Cesenate tra le prove dell’Elite UET Grand Prix
Articolo successivoRoma, giovedì la cerimonia di consegna del Premio Lydia Tesio “Le signore dell’ippica”