Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Presidio di protesta contro il gioco d’azzardo in mattinata davanti alla sede della Regione Liguria, in via Fieschi, in occasione del consiglio Regionale.

I manifestanti, che fanno parte di diverse associazioni che combattono la ludopatia, puntano il dito contro la proroga della legge sulla disciplina delle attività di gioco in scadenza al 30 aprile 2018 (già prorogata in precedenza), discussa in mattinata in consiglio.

«Da tempo sia a livello nazionale sia locale si chiede una regolamentazione ampia e incisiva che cerchi di arginare il fenomeno del gioco d’azzardo – fanno sapere i portavoce del Coordinamento Mettiamoci in Gioco – Il sindacato insieme alle altre associazioni ha avanzato molte proposte, tra cui: divieto assoluto della pubblicità; riduzione di un terzo dell’offerta complessiva del gioco; aumento delle risorse destinate al sistema dei servizi per garantire cura e assistenza gratuite alle persone affette da disturbo da gioco d’azzardo».

Stando a quando denunciato dalle associazioni (al presidio prendono parte anche esponenti del Pd e di Lista Crivello) la Regione non sarebbe intenzionata a regolamentare il gioco d’azzardo, portando in consiglio un testo che non presenta differenze sostanziali rispetto al passato: «Il documento mantiene sostanzialmente lo status quo di un mercato poco regolato e a rischio di forte illegalità – concludono associazioni e sindacati – anche dal punto di vista occupazionale ed economico».

Commenta su Facebook