“Il Belgio è sempre più dipendente dai giochi d’azzardo. La colpa? Del regolatore. “Non lo vediamo da nessuna parte tranne a Las Vegas.” Parole di Jannie Haek, patron della Lotteria Nazionale.

Il capo della lotteria nazionale ha apertamente criticato la Commissione per il gioco per la sua cattiva gestione del settore. La accusa di favorire gli operatori a scapito del consumatore. Inoltre, secondo lui, l’evoluzione del fatturato del settore è fortemente correlata al numero dei dipendenti dall’azzardo : nel 2012 erano 100.000 nella lista dei casinò con un aumento del 300% di rispetto al 2011. Questa tendenza sarebbe iniziata nel 2013 con la liberalizzazione del mercato. Da allora, i giochi da casinò e le scommesse sportive hanno registrato un volume di scommesse sette volte superiore a quello della Lotteria Nazionale.

Di fronte a queste accuse, il presidente della Commissione dei giochi ha prontamente risposto. Secondo Étienne Marique, questi fatti sono infondati. Non ci sono prove per dimostrare una correlazionetra l’evoluzione del mercato e il numero dlle persone in trattamento. Riconosce, tuttavia, alcune debolezze nel suo servizio. La Commissione di gioco non dispone di strumenti legali per applicare adeguatamente le sanzioni previste. Affronta anche una mancanza di budget per svolgere correttamente il suo ruolo. Si noti che questa non è la prima volta che il presidente della Commissione sul gioco ha attirato l’attenzione su questi temi. (nella foto Étienne Marique)

 

Commenta su Facebook