Chiti (Pd): “Regolare il settore giochi in maniera più stringente e dare ai sindaci maggiori poteri”

Giochi e società. Dal Lotto oltre 48 mln di euro per i Beni culturali, dalle vlt 500 mln per L’Aquila

(Jamma) “L’operazione di polizia portata a termine oggi contro il clan camorristico dei casalesi ha messo in luce, ancora una volta, il colossale giro d’affari che le mafie realizzano con il gioco d’azzardo. E’ necessario regolamentare in maniera stringente il settore; dare ai sindaci un reale potere di controllo sulla diffusione e utilizzo dei numerosi strumenti di gioco sul proprio territorio; intervenire sulla tassazione sui giochi: oltre che giusto, è anche necessario, dal momento che il governo ha difficoltà a trovare risorse per affrontare le priorità economiche del paese”. Lo afferma Vannino Chiti, senatore del Pd e presidente della Commissione Politiche dell’Unione europea, aggiungendo che “è indispensabile sostenere con convinzione le iniziative del mondo delle associazioni, come la campagna ‘Mettiamoci in gioco’, che si impegnano per contrastare la piaga sociale della dipendenza da gioco d’azzardo e per diffondere la cultura della legalità”.

Articolo precedenteSuperenalotto. In sei mesi perso il 25% della raccolta
Articolo successivoGiochi e società. Dal Lotto oltre 48 mln di euro per i Beni culturali, dalle vlt 500 mln per L’Aquila