Print Friendly, PDF & Email

Spagna. L’industria del gioco sempre più determinante per l’economia spagnola. CODERE ha presentato oggi, presso la prestigiosa sede dell’Università Carlos II di Madrid, l’Anuario del Juego del 2018 dal quale emerge che nell’ultimo anno l’industria di settore ha garantito solo nell’ultimo anno 84.702 posti di lavoro diretti. Indirettamente, ha contribuito con 167.400 posti di lavoro.

Nel 2017 gli spagnoli hanno giocato 9.408 milioni di euro in “gioco reale” (quantità giocata meno i premi). Il 94 % corrisponde al gioco ‘fisico’ e il 6 %  al online.

Questo vuol dire che per il terzo anno consecutivo il mercato del gioco spagnolo registra un trend in crescita e ben l’8% rispetto al 2015. Il canale online ha registrato il maggiore incremento, oltre il 30%, con crescite relativamente simili in tutti i giochi, meno i concorsi e il poker. Nel segmento ‘presencial’, nelle sale da gioco (15,9%) e nelle scommesse sportive (15,7%).

L ‘”Annuario del gioco in Spagna 2018″ si avvicina alla realtà del settore attraverso un’esposizione molto profonda di statistiche e dati delle singole comunità autonome, integrando varie fonti e un’analisi generale delle regole e delle decisioni giudiziarie e amministrative che compongono l’organismo di regolamentazione del gioco in Spagna, per mostrare all’industria la massima trasparenza. Per José Antonio Gómez Yáñez, autore dell’annuario e professore di sociologia presso UC3M, “lo sviluppo del settore è inerente alle nuove abitudini di intrattenimento degli spagnoli che si evolvono secondo la richiesta della società e i diversi stati di maturità delle attività di gioco “.

Molto interessante la sezione dell’Annuario dedicata agli apparecchi a vincita di denaro installati negli esercizi pubblici. Secondo il report questa tipologia di gioco rappresenta il comparto più importante in termini economici. Sono 130.000 gli esercizi che ospitano un apparecchio di questo tipo, e circa 180.000 le macchine in funzione.

I posti di lavoro garantiti dalle imprese di settore sono 10.300, altri 65.000 quelli garantiti negli esercizi pubblici grazie a questi apparecchi.

Nel 2017 le macchine da gioco hanno raccolto giocate per 2.887 milioni e hanno versato 606 milioni di imposte.

 

Commenta su Facebook