tar tribunale

Associazione a delinquere di stampo mafioso, riciclaggio, raccolta abusiva di scommesse, truffa ai danni dello Stato, reimpiego e intestazione fittizia di beni, traffico di stupefacenti: sono questi alcuni dei reati indicati nella richiesta di rinvio a giudizio presentata dalla Procura di Palermo ai danni di 55 indagati nell’inchiesta “Game Over”. L’udienza preliminare, si legge nell’avviso firmato dal Gip Maria Cristina Sala, si terrà il 15 gennaio alle 9:30 presso la Seconda Corte d’Assise del Tribunale di Palermo.
Dalle indagini della Squadra Mobile, coordinate dal procuratore aggiunto Salvatore de Luca e condotta dai sostituti Annamaria Picozzi (ora a sua volta procuratore aggiunto), Amelia Luise e Roberto Tartaglia, avevano portato il primo febbraio all’arresto di 31 persone e al sequestro di beni immobili, società e conti correnti bancari.

Commenta su Facebook