Print Friendly

(Jamma) – Elemento essenziale della qualità della vita, soprattutto nei paesi più periferici e per la popolazione anziana, i negozi tradizionali della Valcamonica soffrono per la concorrenza di supermercati, discount, cash carry e superstore. Ma almeno possono contare su un supporto dedicato ai negozi di vicinato dalla Comunità montana, che ha emesso un bando per l’assegnazione di contributi alle micro imprese commerciali. Sul tavolo ci sono 190 mila euro e una condizione: i beneficiari che ospitano nei propri esercizi slot machine di ogni genere hanno l’obbligo di eliminarle alla scadenza del contratto.

L’Ente comprensoriale protegge insomma la piccola distribuzione, in particolare nei paesi di gronda, e punta alla «rivitalizzazione del tessuto commerciale e delle attività che, viste nel contesto dei centri di montagna, assumono anche una rilevante utilità sociale nel migliorare le condizioni di vita e dei servizi alla popolazione».

Commenta su Facebook