Con 6 condanne e 3 assoluzioni, è stata emessa nel pomeriggio di ieri la sentenza del processo “Galassia”, nata da un’inchiesta della Guardia di finanza che nel novembre 2018 aveva stroncato le nuove leve della cosca Tegano che si erano infiltrate nel settore delle scommesse online, avvalendosi anche del peso criminale dei loro genitori. La sentenza é stata emessa dal gup distrettuale, Arianna Raffa, a conclusione del processo con rito abbreviato. La pubblica accusa é stata rappresentata dal pm della Dda reggina Stefano Musolino.

Tra gli imputati una condanna ad 11 anni e 9 mesi di reclusione, una a 12 anni, una a 9 anni e 4 mesi, una a 8 anni e 10 mesi e infine due a 2 anni.

Sono stati assolti, invece, altri tre soggetti. Nel 2018 la Dda di Reggio Calabria aveva sequestrato beni per oltre 723 milioni di euro tra cui 24 immobili, 15 imprese operanti nel territorio nazionale, 23 imprese estere, 33 siti di scommesse e numerosi conti correnti.