Nell’appuntamento finale della mini serie di Calcio.com, la bandiera nerazzurra indica con un singolo termine il tratto distintivo dei grandi calciatori da lui raccontati

Da Maradona a Lautaro, un lungo cammino fatto di campioni del passato e talenti del presente. Javier Zanetti chiude con una puntata speciale la mini-serie “I Fantastici 10” di Calcio.com, pubblicata oggi sul data hub di Planet Entertainment – gruppo SKS365. Il racconto di dieci grandi calciatori portato avanti nel corso di altrettante puntate si conclude attribuendo a ciascuno dei protagonisti un sostantivo che più di tutti ne riassume la personalità. Si parte da Ronaldo il Fenomeno, che Zanetti identifica con “resilienza”: «Dopo tutti gli infortuni che ha subìto, si è sempre rimesso in piedi», spiega. Il senso di squadra va invece ad Andres Iniesta, anima del Barcellona stellare di Guardiola e – oltre che talento assoluto – un vero «uomo di squadra».

Un balzo fino ai giorni nostri per trovare due dei trascinatori dell’Inter: Lautaro Martinez, identificato con “grinta”, e Romelu Lukaku, del quale, dice Zanetti, «la forza fisica è la dote migliore». Un pensiero anche per Roberto Baggio, di cui parla non solo per le qualità sul campo, ma anche per «l’amicizia, quella vera». Parlare di classe lo porta invece a pensare a Zinedine Zidane, mentre per Leo Messi la definizione più adatta è «passione, per come lo conosco io e per come ama il calcio». Da un fuoriclasse argentino a uno brasiliano, con Kakà in primo piano per «il sacrificio che sapeva mettere per la squadra». La menzione per il carisma va invece a Xavi, anche lui leader del Barça “guardioliano”; la menzione più speciale, infine, per uno degli idoli di Zanetti, Diego Armando Maradona: «Aveva tutto – conclude – ma una cosa la esercitava d’istinto ed era la sua leadership».

La pillola finale de “I Fantastici 10” sui grandi campioni raccontati da Zanetti è visibile sul canale Youtube di Calcio.com al seguente link: https://www.youtube.com/watch?v=5Fj5eQ6h3K8&feature=youtu.be

Articolo precedenteMalta Gaming Authority, buone pratiche ESG per il settore del gioco a distanza
Articolo successivoLottomatica: “La conoscenza è la chiave per l’inclusione”