Da oggi, lunedì 10 gennaio, l’Italia diventa ancora più gialla: sono in questa fascia tredici regioni più le Province autonome di Trento e Bolzano. Erano già in zona gialla – e ci rimangono – Calabria, Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Marche, Veneto, Bolzano, Trento, Lombardia, Piemonte, Lazio e Sicilia. A queste, da oggi, si aggiungono Toscana, Emilia Romagna, Abruzzo e Valle d’Aosta, che fino a ieri erano bianche. Le altre regioni restano in zona bianca. Nessuna, quindi, passa in zona arancione.

Dopo che l’obbligo di mascherina anche all’aperto è stato disposto in tutta Italia, sostanzialmente con il passaggio dalla zona bianca alla gialla non cambia niente. Sale giochi, bingo, scommesse e casinò resteranno aperte senza particolari restrizioni.

Va ricordato però che con l’introduzione del decreto approvato dal Governo lo scorso 23 dicembre da oggi l’accesso a parchi tematici e di divertimento e alle attività inerenti sale gioco, bingo, scommesse e casinò (anche se svolte all’interno di locali adibiti ad attività differente) sarà consentito, indipendentemente dal colore della zona di ubicazione, solo per chi è in possesso del “Super Green Pass” (ottenibile tramite vaccinazione o guarigione dal Covid).

Articolo precedenteSportitalia e Sn4ifun lanciano “Così X Sport”
Articolo successivoScommesse Supercoppa Italiana, Inter-Juventus: Inzaghi a bassa quota, per Allegri impresa da 4,25 su Snai.it