La Commissione europea ha avviato un’indagine approfondita per determinare se il trattamento fiscale speciale riservato agli operatori di casinò pubblici in Germania è compatibile con la normativa dell’UE in materia di aiuti di Stato. In un’indagine separata, la commissione esamina anche le misure che sono state adottate nel Nord Reno-Westfalia per l’operatore del casinò pubblico che vi opera.

In Germania, le società di casinò pubbliche sono soggette a un regime fiscale speciale che sostituisce una serie di imposte generali altrimenti applicabili, in particolare le imposte sulle società, sul reddito e sulle imprese. La Commissione ha ricevuto diverse denunce da parte delle società di gioco relative a determinati aspetti di questo specifico regime fiscale e una presunta garanzia della redditività degli operatori di casinò pubblici.

Lo scopo del procedimento di indagine formale è chiarire se questo regime fiscale specifico comporta un vantaggio economico ingiustificato per gli operatori di casinò pubblici sotto forma di un carico fiscale inferiore rispetto alle normali norme fiscali.

Nel contesto di alcune misure a favore dell’operatore di casinò pubblico che opera nella Renania settentrionale-Vestfalia, la Commissione valuterà inoltre, sulla base dei reclami, se i presunti pagamenti annuali di compensazione delle perdite e un conferimento di capitale da parte della Renania settentrionale-Vestfalia nel 2015 a favore dell’operatore di casinò pubblico nella regione abbia procurato all’operatore un vantaggio indebito.

L’avvio di un’indagine approfondita offre alla Germania e ai terzi interessati la possibilità di presentare osservazioni. Non pregiudica il risultato dell’indagine. Allo stesso tempo, la Commissione ha concluso che la concessione di gestire un altro casinò pubblico nella Renania settentrionale-Vestfalia non costituiva un aiuto di stato.