Come prevede il nuovo Dpcm il Casino di Saint Vincent resterà chiuso fino al 15 gennaio e l’azienda ha comunicato oggi ai dipendenti che presenterà la domanda di proroga allo strumento di integrazione salariale (assegno ordinario Fis) sino a quella data.

Intanto il 30 novembre è scaduto il termine della presentazione delle adesioni al piano di esodo volontario incentivato, al quale hanno aderito ad oggi 14 dipendenti, due dei quali hanno già lasciato il Casino mentre gli altri dodici dovrebbero perfezionare il cosiddetto ‘autolicenziamento’ entro la prossima settimana. Hanno aderito all’esodo volontario dieci tecnici di gioco (croupier), due amministrativi di sala, un amministrativo ordinario e poi due dipendenti del Grand Hotel Billia&Resort. Lo riporta aostacronaca.it.

Il fondo di 600 mila euro stanziato dall’Azienda è stato integralmente usufruito, il che starebbe a significare una media di 42.850 euro per ciascun dipendente.

Altri tre o quattro lavoratori stanno definendo la loro posizione e pertanto l’Amministratore unico della Casino Spa, Filippo Rolando, si è attivato per prorogare la scadenza della presentazione delle domande al 15 dicembre e a rifinanziare il fondo esodo con altri 200.000 euro.