Aveva messo a segno una rapina ai danni di una sala scommesse e poi tentato di fare lo stesso in un bar di Ospitaletto (BS). E’ stato individuato e fermato dai carabinieri della Stazione locale, che mercoledì scorso hanno risolto il caso.

Come riporta primabrescia.it i fatti risalgono all’1 agosto. Il rapinatore aveva minacciato i gestori degli esercizi commerciali con un coccio di bottiglia ed era riuscito a sottrarre la somma di 490 euro alla sala scommesse. Nonostante la tempestiva segnalazione dell’accaduto alle Forze dell’ordine, però, il malvivente era riuscito a darsi alla fuga, senza venire mai rintracciato. Senonché l’uomo, nella sera del 23 settembre, è passato nuovamente all’interno della sala scommesse, venendo immediatamente riconosciuto da una dipendente del locale.

Anche in questo caso i carabinieri della Stazione di Ospitaletto sono stati allertati tempestivamente e, grazie alle immagini del circuito chiuso di videosorveglianza, si sono messi alla ricerca del rapinatore, che è stato identificato e fermato dopo pochi minuti.

Dagli ulteriori approfondimenti di polizia effettuati dai militari l’uomo è risultato essere clandestino sul territorio nazionale, perché già colpito da un provvedimento di espulsione. Questo elemento, unitamente alla gravità degli indizi a carico del reo, ha giustificato la convalida del fermo di indiziato di delitto ad opera dell’Autorità giudiziaria.