A testa alta Giacomo, dipendente della Cirsa di Perugia, chiede risposte al Governo e spera di poter presto tornare a lavorare.

“Mi chiamo Giacomo e lavoro con la Cirsa di Perugia, un’azienda dinamica in tutta Italia, con persone fantastiche. C’è unione di gruppo all’interno delle filiali, si sta sempre a contatto con la gente, un’azienda che si basa sulla fiducia ed in questo momento di difficoltà tutti stiamo soffrendo, specialmente il nostro settore. Siamo in una situazione difficile, non sappiamo quando si potrà tornare a lavorare e siamo stanchi che il non nostro settore continui ad essere discriminato. Noi siamo una multinazionale e lavoriamo con serietà e professionalità. Siamo in tanti e tutti con delle famiglie da mantenere. Facciamo parte del gioco legale e siamo un’azienda seria, un gruppo di persone affiatate che cercano di dare sempre il meglio alla nostra clientela. Vogliamo delle risposte dal Governo e vogliamo tornare al più presto a lavorare. Ci manca il contatto con la nostra gente, siamo dei lavoratori come tutti!”.

SE HAI DA DIRE QUALCOSA ANCHE TU, VUOI RACCONTARE LA TUA STORIA DI LAVORATORE DEL GIOCO LEGALE, INVIA UNA EMAIL A [email protected]

o un messaggio via facebook alla pagina Jamma-Il quotidiano del Gioco

Ricordati di indicare il tuo nome