A testa alta Edith, dipendente in un punto Sisal, racconta la sua storia.

“Lavoro in un punto Sisal, siamo chiusi, come tutti. Hanno deciso di riaprire tutto tranne la nostra categoria. Io ci vivo con questo lavoro, ho fatto domanda dei 600 euro come le mie colleghe e al momento neanche l’ombra di questi soldi ho visto. Vivo con i risparmi messi da parte, se non li avessi avuti come avrei fatto? Ancora me lo chiedo. Ho fatto domanda all’Inps il 4 aprile e mi hanno risposto l’8 maggio dicendo che potevo vedere l’esito ma siamo già al 14 maggio e ancora nulla, io a questo punto voglio lavorare”.

SE HAI DA DIRE QUALCOSA ANCHE TU, VUOI RACCONTARE LA TUA STORIA DI LAVORATORE DEL GIOCO LEGALE, INVIA UNA EMAIL A [email protected]

o un messaggio via facebook alla pagina Jamma-Il quotidiano del Gioco

Ricordati di indicare il tuo nome