La società “ha iniziato l’anno in modo solido con ricavi in ​​crescita del 2%”. Così il CEO di LeoVegas, Gustaf Hagman, commenta i risultati di bilancio del primo trimestre 2022

  • I ricavi nel periodo compreso tra gennaio e marzo 2022 sono aumentati del 2% a 98,5 milioni di euro (96,7).
  • Escludendo i Paesi Bassi, le entrate sono aumentate del 9%.
  • L’EBITDA è stato di 14,1 milioni di euro (10,4), corrispondente a un margine EBITDA del 14,4% (10,8%).
  • Il numero dei clienti che hanno aperto coni di gioco è stato di 455.843 (462.386), con un decremento dell’1%.
  • L’utile per azione era di -0,07 EUR (0,02) prima e dopo la diluizione, mentre l’utile per azione rettificato era di 0,09 EUR (0,07).

EVENTI DEL TRIMESTRE

  • LeoVegas si è registrato nel trimestre come operatore di gioco nella provincia canadese dell’Ontario, che è un passaggio nel processo di licenza per poter condurre giochi nell’ambiente regolamentato in Ontario. Il 4 aprile il mercato dei giochi è stato nuovamente regolamentato e lo stesso giorno dell’apertura del mercato sono stati rilanciati i marchi LeoVegas e Royal Panda.
  • LeoVegas sta aprendo due nuovi hub tecnologici; uno a Varsavia e uno a Malaga. Il piano è di reclutare fino a 100 sviluppatori in questi uffici nei prossimi due anni.
  • Nel mese di gennaio LeoVegas ha distribuito agli azionisti della Capogruppo il quarto dividendo (3,8 milioni di euro) di quattro complessivi.

“LeoVegas ha iniziato l’anno in modo solido con ricavi in ​​crescita del 2% nel primo trimestre. Escludendo i Paesi Bassi, la crescita è stata del 9%. La crescita nel verticale dello sport è stata del 44% durante il trimestre, trainata principalmente dal marchio Expekt. Allo stesso tempo, stiamo segnalando un’elevata redditività con un EBITDA in aumento del 35% rispetto al periodo dell’anno precedente. Il miglioramento del margine EBITDA del 14,4% è stato principalmente il risultato di migliori condizioni di pagamento e fornitori e minori investimenti di marketing. Questi fattori hanno più che compensato l’aumento dei costi del personale principalmente in prodotti e tecnologia, nonché i costi relativi a progetti strategici come il lancio negli Stati Uniti. Nel complesso, questi risultati dimostrano la scalabilità del nostro modello di business.

I costi di marketing in relazione ai ricavi sono stati pari al 30,3% durante il trimestre, che è la cifra più bassa dal secondo trimestre del 2020. La nostra strategia di marketing consiste nel lavorare costantemente con l’ottimizzazione dei nostri investimenti di marketing sulla base di decisioni basate sui dati. Prevediamo un aumento dei nostri investimenti di marketing durante il secondo trimestre come risultato di fattori come la provincia canadese dell’Ontario, recentemente regolamentata, dove manteniamo elevate ambizioni di crescita”, ha commentato Gustaf Hagman (nella foto), CEO del Gruppo.

“Per rimanere all’avanguardia nel settore dei giochi è necessario investire e continuare a innovare nell’area dei prodotti e della tecnologia. La conferma che stiamo facendo le mosse giuste è arrivata ad aprile, quando abbiamo vinto il premio “Casinò online dell’anno” ai Global Gaming Awards e “Operatore di gioco online” agli International Gaming Awards. Molto semplicemente, continuiamo a offrire un’esperienza di gioco di prim’ordine.

Per assicurarci di avere le risorse necessarie per continuare a realizzare i nostri ambiziosi piani di crescita – ha aggiunto Hagman -, stiamo aprendo due nuovi hub tecnologici, uno a Varsavia e uno a Malaga, dove prevediamo di reclutare fino a 100 nuovi sviluppatori nei prossimi due anni. Questi investimenti assicurano che il Gruppo continui a offrire la migliore esperienza di gioco andando avanti con le ultime innovazioni in settori quali casinò, sport, pagamenti e personalizzazione. 

Qualcosa che deve essere discusso è l’inaccettabile invasione dell’Ucraina da parte della Russia. A seguito della notizia, abbiamo immediatamente deciso di smettere di offrire scommesse sullo sport russo e bielorusso. Questa è una situazione particolarmente delicata per l’azienda, soprattutto considerando che abbiamo una quarantina di colleghi in Ucraina. Abbiamo adottato misure per sostenere le persone colpite e le loro famiglie attraverso, ad esempio, il trasferimento in Svezia o in altri paesi. Vorrei cogliere l’occasione per evidenziare questi colleghi che, nonostante questa terribile situazione, sono incredibilmente riusciti a continuare a lavorare e a fornire valore quotidiano a LeoVegas”, ha affermato il CEO del Gruppo.

MERCATI

“La maggior parte dei nostri mercati continua a registrare buone performance. Ancora una volta, la Svezia si distingue per aver raggiunto nuovi livelli record e stiamo rafforzando la nostra posizione come la più grande azienda privata nel nostro mercato interno. Il 4 aprile il mercato dei giochi – ha spiegato Hagman – è stato riregolamentato in Ontario e lo stesso giorno dell’apertura del mercato abbiamo rilanciato i marchi LeoVegas e Royal Panda. Questo è iniziato con successo e l’Ontario è il nono mercato regolamentato a livello locale del Gruppo. Durante il trimestre, abbiamo presentato la nostra domanda di licenza nei Paesi Bassi mentre l’espansione di LeoVegas negli Stati Uniti, con il New Jersey come primo stato, procede secondo i piani. Negli Stati Uniti, la società in portafoglio Blue Guru Games lancerà anche il suo portafoglio di giochi di slot nella seconda metà dell’anno, fornendo ulteriori opportunità di crescita per il Gruppo. Abbiamo esperienze positive nell’operare nei mercati regolamentati e abbiamo grandi ambizioni di crescita sia in Nord America che in Europa per gli anni a venire”, ha concluso il CEO di LeoVegas.