Il Tar Emilia, sezione di Parma, ha fissato la discussione del merito di un ricorso presentato da un operatore di gioco contro il distanziometro del Comune di

Castel San Giovanni.

Per i giudici la società ricorrente ha indicato, nella sua istanza cautelare, un periculum connesso a un pregiudizio di natura meramente economica, stante anche il consolidamento, medio tempore, degli effetti dell’ordine di chiusura;

che, peraltro, il ricorso contiene censure articolate, anche in relazione ad eventuali profili di contrasto della normativa presupposta con le disposizioni di natura sovranazionale in materia, profili che paiono di per sé degni di un approfondimento più ampio di quello tipico della fase cautelare