L’ADM della Calabria ha effettuato nelle scorse ore un controllo in materia di gioco avente ad oggetto la verifica di requisiti di legalità nel settore delle scommesse e degli apparecchi da intrattenimento.

L’attività di controllo ha portato alla scoperta di irregolarità in materia di messa a disposizione in luogo pubblico di postazioni telematiche che consentono ai clienti di giocare sulle piattaforme di gioco (c.d. Legge Balduzzi).

In particolare, in un esercizio commerciale situato a Rosarno (RC), sono state poste sotto sequestro 7 postazioni informatiche. Al titolare dell’esercizio verrà comminata la sanzione amministrativa prevista dall’art. 110, comma 9, lett. f quater, del TULPS, stabilita in euro da 5.000 a 50.000 per ciascun apparecchio rinvenuto.

Articolo precedenteThe Poker One by Stanleybet, il resoconto del Day 1/A
Articolo successivoScommesse e CTD, Cassazione: “Anche bookmaker estero privo di concessione tenuto al versamento dell’imposta unica”