L’Agenzia delle Entrate ha risposto all’interpello di una società concessionaria di giochi in merito alle operazioni, di terzi, che possono essere considerate esenti da Iva.

ALFA è uno dei principali operatori a livello nazionale nel settore dei giochi e delle scommesse.
In virtù delle Concessioni stipulate con l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, l’istante è in grado di offrire alla clientela una vasta gamma di giochi e scommesse (ippiche e sportive), sia tramite la propria rete di punti vendita attiva su tutto il territorio nazionale, sia online. In particolare, i giochi a distanza sono fruibili in modalità interattiva attraverso piattaforme di gioco accessibili al pubblico mediante smartphone, computer portatili e tablet. A tal fine, ALFA è
titolare di un sito internet dedicato al gioco.
In considerazione della crescita del mercato dei giochi online, la società ha deciso di ampliare la propria offerta anche nel settore delle scommesse sportive, proponendo all’utenza nuovi eventi (nazionali ed internazionali) su cui scommettere, nonché la possibilità di effettuare scommesse durante lo svolgimento delle competizione sportiva (c.d. Live). Lo sviluppo dell’offerta ha riguardato anche la raccolta delle scommesse su rete fisica che viene gestita in modo analoga a quella online.
Per l’offerta delle scommesse sportive e per la raccolta delle relative giocate (sia online che nei punti vendita), la società impiega una propria piattaforma in grado di interfacciarsi con le piattaforme di altri operatori internazionali ( i.e. Fornitori menzionati in istanza), acquisendo in tempo reale tutti i dati utili a comporre il palinsesto degli eventi su cui scommettere, nonché gli esiti degli stessi ai fini dell’individuazione delle puntate vincenti e di quelle perdenti.

Articolo precedenteCentri scommesse e bookmaker: la tassazione va correlata alla capacità contributiva
Articolo successivoUna tassa speciale sulle scommesse online costituisce un ostacolo alla libera prestazione dei servizi?