HomeAttualitàFrancia, ANJ rivede i piani d'azione per la prevenzione del gioco d'azzardo...

Francia, ANJ rivede i piani d’azione per la prevenzione del gioco d’azzardo eccessivo e del gioco minorile

A partire dall’ordinanza del 2 ottobre 2019 che riforma la regolamentazione del gioco d’azzardo e mira a rafforzare il livello di protezione dei giocatori, gli operatori di gioco francesi devono presentare ogni anno all’autorità per i giochi (ANJ) il loro piano d’azione per prevenire il gioco d’azzardo eccessivo e il gioco minorile. Tale obbligo costituisce un’opportunità per un dialogo con il regolatore per l’ANJ l’occasione di formulare prescrizioni.

Il gioco d’azzardo eccessivo e il gioco minorile sono infatti i rischi più significativi che affliggono il mercato del gioco d’azzardo in Francia.

  • Nel 2020, l’Observatoire des Jeux ha stimato che 1,4 milioni di giocatori d’azzardo erano a rischio, di cui quasi 400.000 con uno stato patologico. 
  • Nonostante il divieto legale, la pratica del gioco d’azzardo minorile è una realtà. Secondo l’ultimo studio “EnCLASS” del 2021 dell’OFDT, 1 bambino su 4 di terza elementare ha dichiarato di aver già giocato a un gioco d’azzardo nell’ultimo anno. Lo studio ENJEU-Mineurs condotto da SEDAP rivela che, nel 2021, più di un terzo dei giovani minori intervistati erano giocatori d’azzardo (34,8%).
  • Nel 2019 la quota dei ricavi lordi di gioco attribuibile ai giocatori problematici è stata del 38,3%, di cui il 20,7% per i giocatori problematici. 

Piani d’azione degli operatori titolari di licenze e monopoli

Al termine di questo 4° esercizio, l’osservazione generale è che la strategia di gestione della regolamentazione per obiettivi assegnati agli operatori correlati a una politica di supporto alla conformità sta dando i suoi frutti e sta dando questi risultati:

  • Progressi significativi per l’intero mercato dal punto di vista della prevenzione del gioco eccessivo: azioni di sensibilizzazione (“Gambling Dashboard”, messaggi di feedback normativi);
  • Un aumento degli standard di protezione in termini di identificazione e supporto dei giocatori d’azzardo eccessivi online, che ha comportato un aumento del numero segnalato di giocatori identificati e supportati grazie ai cambiamenti nei sistemi di rilevamento. La maggior parte degli operatori ha messo in atto misure di sostegno più personalizzate. La maggior parte esclude i giocatori identificati come più a rischio dalle ricompense commerciali;
  • Per quanto riguarda la protezione dei minori, l’intero mercato presenta un logo standardizzato messo a disposizione dall’ANJ. Alcuni operatori online sono intervenuti per prevenire i tentativi di aggirare il divieto di gioco d’azzardo applicato ai minori.

Sebbene negli ultimi tre anni siano stati compiuti progressi sostanziali da parte degli operatori del gioco d’azzardo, il gioco problematico occupa ancora un posto troppo importante nel mercato. Per questo, nel suo piano strategico 2024-2026, l’ANJ ha posto al centro della sua azione la riduzione del gioco d’azzardo eccessivo e dei danni sociali che provoca, nonché la tutela dei minori. In linea con questo obiettivo centrale, nel 2024 gli operatori dovranno fare di più per identificare un numero eccessivo di giocatori d’azzardo in linea con le dimensioni del loro pool di giocatori e gli studi di prevalenza. Dovranno inoltre dimostrare risultati operativi e misurabili che possano essere verificati da operazioni di controllo. A tal fine, dovranno essere attuate le seguenti azioni:

  • Individuare e intervenire il prima possibile e diversificare le misure di sostegno adattandole maggiormente al livello di rischio individuato (in particolare per i giovani di età compresa tra i 18 e i 24 anni o i clienti VIP);
  • Applicare uno strumento di valutazione del rischio prima della commercializzazione delle offerte di gioco d’azzardo e adottare misure ad hoc per limitare tali rischi (adeguate misure di prevenzione).

Per FDJ e PMU per la loro attività in esclusiva, ciò includerà:

  • Rafforzare il sistema di controllo nei punti vendita per garantire il rispetto del divieto di vendita ai minori (numero di punti vendita controllati, regime sanzionatorio applicabile e rappresentatività dei punti vendita controllati); 
  • Proporre all’ANJ, entro il 30 marzo, un nuovo solido sistema per identificare e sostenere i giocatori d’azzardo eccessivi o patologici nei punti vendita.

Infine, l’ANJ ha espressamente ricordato agli operatori che, a causa di un contesto 2024 caratterizzato dallo svolgimento di due grandi eventi sportivi (il torneo di calcio Euro 2024 e i Giochi Olimpici di Parigi) e dal rischio di intensificazione delle pratiche di gioco d’azzardo che ne deriva, dovranno esercitare una maggiore vigilanza per quanto riguarda la prevenzione del gioco d’azzardo minorile e dei comportamenti di gioco, persone particolarmente vulnerabili (in particolare i giovani di età compresa tra i 18 e i 24 anni).

Piani d’azione per i casinò e i club di gioco

Nel 2023 il settore ha registrato una crescita dell’8% rispetto al 2022, con 2,7 miliardi di euro di fatturato. Tuttavia, questi risultati coprono situazioni eterogenee, con il 74% dei casinò che è tornato a un livello di GGR più alto rispetto al 2019. Il livello di attività dei 7 club di gioco parigini è aumentato dell’11% nel 2023, con un GGR di 119 milioni di euro nel 2023. Il numero di ingressi è in aumento con 31 milioni di ingressi nei casinò e 738.000 nei club di gioco.

Il riesame delle valutazioni e dei piani d’azione è stato analizzato alla luce della priorità fissata dall’ANJ nel 2023, vale a dire il rafforzamento dell’identificazione e del sostegno dei giocatori d’azzardo eccessivi, in particolare attraverso la formazione del personale.

L’ANJ ha rilevato che i livelli di conformità erano ancora più eterogenei rispetto al 2023. Mentre alcuni gruppi o istituzioni stanno compiendo progressi costanti con l’attuazione di progressi significativi, altri sono cambiati poco dal 2021.

La maggior parte dei piani d’azione è stata approvata e l’ANJ ribadisce le prescrizioni del 2023. Tuttavia, i piani d’azione di 2 casinò e 1 club di gioco sono stati respinti.

Al fine di aiutare i casinò ad attuare l’obbligo di identificare e sostenere i giocatori d’azzardo eccessivi, l’ANJ ha inviato a tutti una guida pratica con esempi di soluzioni concrete e strumenti per l’attuazione di tale obbligo, che possono adattare alla loro situazione specifica.

I piani d’azione delle società ippiche coordinate dalla FNCH (Federazione Nazionale Ippica)

La Federazione Nazionale dell’Ippica supervisiona 10 Federazioni Regionali e riunisce 235 società di corse (ippodromi) in Francia, Francia metropolitana e all’estero. La quota di partecipazioni generate dalle società di corse è stata pari allo 0,8% nel 2023, pari a 6,9 milioni di euro.

I requisiti per il 2024 sono sostanzialmente identici a quelli dell’anno precedente, in considerazione del loro basso tasso di attuazione e riguardano principalmente l’identificazione e il sostegno dei giocatori d’azzardo eccessivi, che è molto inadeguato. Questi sforzi si concentrano principalmente sul sistema informativo dell’ippodromo.

Redazione Jammahttps://www.jamma.tv/
Il quotidiano del gioco legale
CasinoMania
StarCasinò
Play&Go
ZonaGioco

Articoli correlati