slot
Print Friendly, PDF & Email

Ogni pretesa che si inserisce nel contesto di un rapporto, quello tra concessionario e gestore, di natura pacificamente privatistica,va decisa dal giudice ordinario. E’ qanto ribadisce il Tar Calabria giudicando inammissibile il ricorso di un gestore di apparecchi da intrattenimento al quale una concessionaria di rete ha notificato la richiesta del pagamento della somma di € 84.735,40, quale conseguenza della riduzione degli aggi operata con l’art. 1, comma 649 l. 23 dicembre 2014, n. 190.

Il giudice amministrativo poi  osservando che sono stati impugnati anche i sottostanti decreto dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli del 15 gennaio 2015, prot. n. 4076/RU, nonché la legge (qualificata in termini di legge/provvedimento) 23 dicembre 2014, n. 190, ed in particolare il comma 649 dell’art. 2, si dichiara incompetente , in favore del Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio, Sede di Roma.

 

Commenta su Facebook