A causa della sospensione delle attività per Awp e Vlt per l’emergenza Covid, nei primi 10 mesi dell’anno gli apparecchi da intrattenimento hanno versato complessivamente allo Stato, a titolo di imposte sulla raccolta di gioco, un totale di 2.669 milioni di euro.

Se confrontiamo questo dato con quello corrispondente allo stesso periodo del 2019 registriamo un calo del 51 per cento. Nei primi 10 mesi del 2019 infatti gli apparecchi da intrattenimento a vincita vevano versato allo stato imposte sulla raccolta, a titolo di Prelievo Erariale Unico, 5.467 milioni di euro.