Un’importante operazione ad alto impatto nella zona San Paolo a Roma è stata effettuata da parte degli agenti della Polizia di Stato dell’XI Distretto San Paolo con l’ausilio di 4 unità del Reparto Prevenzione Crimine.

Massima attenzione alla “Sicurezza Urbana” della zona con la verifica e il controllo di persone irregolari, lotta all’abusivismo, impegno nella prevenzione e repressione dei fenomeni di spaccio di droga e con controlli amministrativi nei riguardi dei numerosi esercizi.

L’obiettivo specifico del servizio è stato quello di intensificare il controllo del territorio di quell’area per fronteggiare situazioni di degrado urbano che possano inficiare il senso di sicurezza della cittadinanza.

Focalizzata l’attenzione su obiettivi precisi, già evidenziati e monitorati nel corso dei numerosi servizi ordinari e straordinari di controllo del territorio, finalizzati al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, alla verifica della presenza di cittadini stranieri inadempienti alla normativa sull’immigrazione e ai controlli amministrativi degli esercizi commerciali e delle strutture ricettive. Al termine dell’attività sono state 116 le persone controllate, 57 veicoli fermati, 3 locali controllati per il rispetto della normativa anticovid.

Infine durante un controllo all’interno di un bar in via Portuense gli agenti hanno verificato che, nonostante l’ordinanza del Sindaco che vieta l’utilizzo delle slot machine in determinati orari, il gestore continuava a tenere aperta la sala giochi con persone all’interno intente a giocare. Inoltre non veniva rispettata la normativa per la prevenzione del Covid in quanto nessuno era addetto al controllo degli avventori circa il possesso o meno del “green pass”.

Per queste ragioni sono state contestate 5 sanzioni amministrative per un totale di 1850 euro ed è stata disposta la chiusura del locale per 5 giorni.