Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) Liguria. Il ‘parlamentino’ della Regione ha approvato oggi il Dl “Testo Unico in materia di prevenzione e trattamento del gioco d’azzardo patologico (Gap)”. Con una serie di indicazioni e osservazione il GAL ha quindi votato un documento che “recepisce per quanto possibile una serie di principi: definire criteri di valutazione omogenei per la riduzione degli apparecchi sul territorio regionale, lasciando ai Comuni la possibilità di addivenire ad eventuali deroghe nella distribuzione territoriale delle riduzioni sulla base di eventuali intese locali con gli operatori economici coinvolti; definire una norma quadro per le distanze minime (500 metri) e degli orari dei punti gioco, fermo restando quanto definito nell’intesa, lasciando ai Comuni la facoltà di estendere tali regolamentazioni con propri regolamenti in base alle caratteristiche del territorio”.

Il testo del provvedimento che passa ora al Consiglio Regionale ( leggi il testo integrale a questo link) prevede infatti una distanza minima di 500 mt dai luoghi sensibili per le nuove aprture e le nuove installazioni di apparecchi da intrattenimento a vincita.

Votando con parere positivo il provvedimento il Cionsiglio delle Autonomie Locali lo integra con una serie di indicazioni tra cui:

  • sostenere economicamente i Comuni che intengono introdure incentivi fiscali ai locali no-slot;
  • prevedere meccanismi di sostegno per i Comuni che non dispongono di un organico di Polizia Locale sufficiente;
  • accelerare l’obbligo per tutti gli esercenti di dotarsi di AWPR
  • vietare in tutto il territorio nazionali la pubblicità ai giochi, compresa quella online
  • chiedere alla Regione di far leva sul Governo e il Parlamento perchè interventi simili vengano estesi a tutto il territorio nazionale.

 

Richiedi il Testo Unico tramite messaggio su Facebook a questo link

Commenta su Facebook