(Jamma) – Nel corso della seconda metà del mese di ottobre, la squadra di polizia amministrativa di Catania ha dato vita a una serie di controlli a sale gioco, bar e chioschi nei quali erano presenti slot machine o e videogiochi.

Questa volta, i controlli hanno interessato anche le “Sale Bingo”: luoghi regolarmente autorizzati la cui attività, però, è rigidamente regolata da precise prescrizioni inserite nella licenza che ne consente l’esercizio.

E proprio per la violazione di alcune di queste norme, è stato indagato in stato di libertà il titolare di una sala: in questo caso, le operazioni di gioco e l’attività di slot machine e videolottery protratte oltre l’orario consentito hanno costituito una vera e propria fattispecie di reato, prevista dal Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza: inoltre era stata installata una luminaria e una “catenaria” di lampade, senza la prescritta autorizzazione.

Un chiosco bar è stato invece sanzionato per l’uso di apparecchi elettronici d’intrattenimento oltre l’orario stabilito e l’installazione di giochi senza autorizzazione.

Anche la titolare di una sala VLT è stata denunciata per aver mantenuto attivi gli apparecchi elettronici di intrattenimento oltre l’orario consentito in licenza.

Commenta su Facebook