Gioco d’Azzardo Patologico a Santeramo (BA), l’Assessore alle Politiche e Servizi Sociali – Politiche Educative e Istruzione Rosa Colacicco fa il punto della situazione attuale.

“In data 17.10.2018 si è tenuto per volontà del Sindaco Baldassarre e dell’Assessore al ramo, il primo incontro presso la stanza del Presidente del Consiglio Comunale a seguito dell’impegno preso dallo stesso Sindaco con la Diocesi in un evento a cui aveva partecipato a maggio 2018.

In questo primo incontro di ottobre – afferma Colocicco – si è costituito il gruppo di lavoro sul GAP (Gioco d’Azzardo Patologico) a livello locale e volontaristico, un gruppo informale e composto da esponenti di varie appartenenze, di cui l’Assessore e il Consigliere Rocco Lillo sono semplicemente una componente in rappresentanza dell’Amministrazione. In quell’incontro costitutivo, si è ritenuto opportuno proporre l’inclusione del Dirigente di settore e dell’assistente sociale che si occupa di dipendenze, al fine di avviare una reale collaborazione a partire dalla condivisione delle informazioni.

Come si chiariva già allora, i gruppi di lavoro non devono essere le arene in cui scaricare i problemi e il lavoro esclusivamente sull’Amministrazione, ma devono essere il luogo dove ognuno deve giocare la sua parte nella comprensione e risoluzione dei problemi (a partire dalla famiglia, dalla scuola e dalle altre realtà del Terzo Settore che, senza competizione, insieme concorrono al bene della Città). Proprio per stimolare il corretto spirito di collaborazione tra amministrazione e associazioni, si decise di nominare un referente che non fosse l’assessore, così come accade anche per la consulta disabilità dove il Presidente è un membro delle associazioni. E il tavolo di lavoro sul GAP nominò Giusy Devivo.

Sin da subito (il lontano ottobre 2018) l’Assessore si è attivata per la redazione di un regolamento comunale, con la collaborazione dell’allora dipendente dei servizi sociali, dott. Valerio Dileone, passato dopo pochi mesi all’ufficio commercio e con cui il lavoro è ancora in corso sebbene ormai impegnato su altri fronti, ma sempre disponibile e collaborativo. Numerose sono le testimonianze anche via mail di inoltro e correzione delle bozze, alla luce dei suggerimenti che giungono strada facendo.

Il 20.7.2019, chi era presente all’evento nella Sala Giandomenico, ha avuto modo di appurare non solo che il regolamento esiste ma anche che, a seguito della nuova legge del 17.6.2019 erano in corso ulteriori aggiornamenti, ragion per cui ai presenti in quella sede sono state resentate le integrazioni da fare, in un confronto aperto, cordiale e corale anche con gli altri relatori della asl. Come già spiegato altre volte – continua l’assessore Colacicco -, la redazione dei regolamenti sono di competenza degli uffici preposti su indicazioni della politica e il lavoro sul GAP continua anche quando i vari passaggi sfuggono a chi, per varie ragioni non vi abbia preso parte.

Certamente i regolamenti poi si propongono in Consiglio Comunale dove coloro che sono stati eletti per rappresentare la cittadinanza, possono fare modifiche, approvare o rigettare le proposte. Fatto questo passaggio, l’applicazione del regolamento e della normativa in materia è in capo all’ufficio commercio che rilascia le licenze agli esercizi commerciali e sale da gioco e alla Polizia Municipale che deve controllare, nonché, come previsto nell’ultimo aggiornamento
normativo di giugno 2019, in capo alla asl per il discorso “censimento del fenomeno” e formazione obbligatoria degli esercenti.

E questo, premesso che le normative si applicano anche nelle more del regolamento comunale, è l’iter che, con l’impegno e la passione di chi ha voluto e non senza sacrifici, si è fatto fino ad ora. Non sono poi certamente mancate, in questo mandato, le occasioni in cui sono stati segnalati bandi al gruppo e a tutti gli ETS (Enti del Terzo Settore) anche mettendo a disposizione consulenza gratuita degli esperti dello “Sportello del Volontariato” per intercettare fondi e avviare iniziative specifiche di sensibilizzazione sulla ludopatia. Ma si è anche iniziato a portare il tema/problema all’attenzione del coordinamento istituzionale ad Altamura.

Inoltre, a fine novembre, c’è stato un incontro rivolto a tutti gli ETS (Enti del Terzo Settore) per l’organizzazione della Mostra “Obiettivo Volontariato” e della giornata di sensibilizzazione ai temi e forme del volontariato (inclusa la prevenzione e contrasto alla ludopatia) presso la
scuola secondaria di II grado locale. La manifestazione “No SLOT” del 30.11.2018 era a cura dell’Associazione Edon’é e del Movimento 5 Stelle… non dell’assessore… la quale era impegnata nell’organizzazione di un evento di più ampio respiro sul volontariato che coinvolgeva diverse realtà e non soltanto il “no slot”.

Il 10.9.2019 si è svolto un incontro con il gruppo di lavoro sul GAP presso il Municipio. Sebbene tutti convocati dalla referente, erano presenti soltanto la stessa, l’assessore al ramo con il dott. Valerio Dileone dipendente comunale (incaricato di redigere il regolamento in collaborazione con l’assessore) e il consigliere comunale Rocco Lillo. In quella sede, la referente ha aggiornato il gruppo sui due incontri avuti ad agosto, di cui uno ad Acquaviva e uno con il Gruppo di automutuoaiuto “Famiglie fuori gioco” di Sammichele al fine di allargare la rete; a seguire, l’Assessore e il dott. Dileone hanno illustrato e condiviso la bozza del regolamento e ricordato gli adeguamenti da fare e già annunciati nel convegno del 20.7.2019 presso il Palazzo Marchesale. A conclusione della riunione del 10.9.2019, la
referente ha lanciato alcune proposte di sensibilizzazione (tra cui quelle da realizzare nell’ambito dell’iniziativa nazionale Libriamoci 2019) a cui l’Amministrazione ha dato suggerimenti utili anche dal punto di vista organizzativo e in raccordo con la Biblioteca e si è concordato che la referente rediga e inoltri il verbale ai componenti del gruppo GAP per informarli, coinvolgerli e acquisire altre proposte e iniziative.

In tale occasione, l’Amministrazione ha fornito copia della bozza del regolamento, nonché i recenti riferimenti di legge da integrare. Inoltre, prossimamente creeremo una sezione dedicata sul sito istituzionale, in cui inserire i verbali degli incontri, i documenti utili e i contatti di help. Cogliamo l’occasione per ricordare che oltre alla possibilità di rivolgersi ai Servizi Sociali, allo Sportello del Volontariato, al SERT di Santeramo, Caritas e Parrocchie, ci sono a disposizione anche i seguenti contatti utili per un primo ascolto delle problematiche: Fondazione Antiusura “San Nicola e santi Medici” di Bari (tel. 0805241909-0805241900)
http://Inx.giocatorianonimi.org/puglia/

E il lavoro continua… e chiunque vorrà metterci le idee ma soprattutto “le braccia”, sarà sempre il benvenuto” conclude.

Commenta su Facebook