Le slot che sono state disinstallate dai bar in osservanza delle norme contenute nella precedente legge regionale sul contrasto al gioco d’azzardo patologico non torneranno nei bar. E’ quanto ha chiarito oggi in Consiglio regionale del Piemonte l’assessore al Bilancio, Andrea Tronzano (nella foto) rispondendo a due interrogazioni riguardanti la nuova legge sul gioco, presentate da Ivano Martinetti (M5S) e Marco Grimaldi (Luv).

Tronzano è intervenuto circa il paventato ritorno degli apparecchi da gioco a vincita nei bar e ha spiegato che i termini sono scaduti il 31 dicembre scorso, inoltre ha sottolineato che non sono arrivate, o comunque sono state pochissime, le richieste in tal senso. Confermando l’impossibilità che le slot vengano reinstallate in questo genere di attività senza rispettare le previste distanze minime dai luoghi sensibili l’assessore ha aggiunto che, qualora la legge non fosse abbastanza chiara, verrà approvato un apposito emendamento in modo da non lasciare dubbi.

In merito all’interpretazione dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli, Tronzano ha concluso spiegando che verrà chiesto un incontro e che comunque questa non avrebbe il potere di modificare la norma.