Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – A disposizione ci sono 124mila euro, di cui 94mila messi da Regione Lombardia. I restanti, invece, dall’Amministrazione comunale. Obiettivo: spingere alla riapertura quei negozi sfitti e in disuso le cui saracinesche sono state abbassate da tempo.

È stato pubblicato il bando «Lissone – Dynamic Urban Commerce» per la concessione di contributi a fondo perduto, promosso dal Comune di Lissone (MB) e dal Distretto urbano del commercio. A beneficiare dei contributi (massimo 20mila euro per ogni operatore, per coprire le spese di ristrutturazione, ripristino e riqualificazione degli impianti) potranno essere micro, piccole e medie imprese del commercio, del turismo, dell’artigianato e dei servizi che vogliano riattivare locali nel centro storico (nel perimetro compreso tra le vie Dante, Aliprandi, Origo, Gramsci, 20 settembre, Padre Reginaldo Giuliani e Matteotti) e nella frazione di Santa Margherita, tra le vie Deledda, Lecco, Verga, Pasolini, Giusti, Angelo Arosio Genola, Sarpi, Aspromonte, Lambro, Resegone, Lombardia e Mattei.

Ma ci sono dei paletti. Sono infatti esclusi dal bando sexy shop, centri massaggi e attività legate al gioco d’azzardo.

Commenta su Facebook