Il 15 novembre 2022, la riunione dei regolatori del gioco d’azzardo di Austria, Francia, Germania, Portogallo, Spagna e Regno Unito si è svolta presso la sede dell’Autorité Nationale des Jeux (ANJ), a Parigi. In questa riunione, i rappresentanti di queste autorità hanno avuto l’opportunità di presentare la situazione dei rispettivi mercati del gioco d’azzardo, nonché i principali sviluppi normativi che si sono verificati o si prevede si verifichino nell’immediato futuro. Durante l’incontro sono state presentate le misure adottate nello sforzo comune per ridurre il gioco d’azzardo illegale, nonché esplorato possibili modi di collaborazione futura.

L’inizio della Coppa del Mondo in Qatar è stato oggetto di particolare analisi visto l’impatto che un evento di dimensioni così universali avrà sui mercati del gioco. In questo senso, i regolatori di Spagna, Portogallo, Francia, Regno Unito e Germania hanno adottato una dichiarazione congiunta in cui assumono l’impegno di una stretta cooperazione durante il torneo per garantire la migliore protezione dei consumatori.

“Riconosciamo – si legge nel documento – che questo è uno dei tornei più grandi e di alto livello al mondo ed è quindi probabile che aumenti l’attività di scommessa. In qualità di regolatori, svolgiamo un ruolo chiave nel garantire che i consumatori siano protetti durante tutto il torneo.

Lavorando a stretto contatto durante questo periodo, siamo impegnati nel monitoraggio del mercato del gioco, assicurando che la pubblicità, l’integrità delle scommesse e le regole di protezione dei consumatori siano seguite dagli operatori. Durante tutto il torneo in Qatar, ciò comporterà una maggiore cooperazione transfrontaliera, in particolare attraverso lo scambio di informazioni, competenze e migliori pratiche.

Al fine di aumentare la consapevolezza sui rischi che circondano i danni del gioco, durante il torneo aumenteremo anche la nostra attività sui social media, al fine di promuovere come le persone possono giocare in sicurezza”.

Articolo precedenteSisal scrive un pezzo di storia dell’Eurojackpot in Italia: il 22 novembre 2019 realizzato a Roma un “5+1” da oltre 2,9 milioni di euro
Articolo successivoCamera, M5S presenta pdl per l’istituzione di una Commissione d’inchiesta sul fenomeno delle mafie: attenzione anche a giochi e scommesse