Il Parlamento Europeo ha effettuato una valutazione sulla attività dell’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze. L’ente potrebbe occuparsi occuparsi anche di gioco d’azzardo. 

L’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT) funziona bene ma è possibile apportare ulteriori miglioramenti in diverse aree: in termini di sviluppi tecnologici (in particolare per quanto riguarda gli strumenti informatici), relazione con la comunità scientifica e i medici di base, consapevolezza pubblica e pubblicazione dei dati da comparare con le organizzazioni degli Stati Membri . E’ quanto emerge dal rapporto di valutazione del Paralmento Europeo sull’Osservatorio.

Cos’è l’OEDT e perché questa valutazione?

L’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze è stato creato nel 1993. È una delle agenzie decentralizzate dell’Unione Europea. Si basa su un regolamento del 2006. Il suo obiettivo è fornire all’UE e ai suoi Stati membri informazioni concrete, obiettive, affidabili e comparabili a livello europeo in materia di droga e tossicodipendenza.

Cosa emerge dal report di valutazione.

Mentre la maggioranza dei rappresentanti degli Stati membri e il personale dell’Agenzia sono favorevoli all’espansione verso altre sostanze lecite e illecite, come alcol, tabacco o farmaci soggetti a prescrizione, e in misura minore comportamenti di dipendenza, come verso il gioco d’azzardo, le parti interessate a livello europeo e le organizzazioni internazionali, hanno espresso opinioni divergenti al riguardo.