La Tennis Integrity Unit (TIU) ha confermato per David Rocher, arbitro di linea di tennis francese, il divieto di arbitrare per 18 mesi (con quattro mesi di sospensione), dopo aver violato le regole sulle scommesse stabilite nel Programma anti-corruzione del tennis (TACP).

Il signor Rocher è stato accusato di aver piazzato undici scommesse sul tennis tra gennaio e ottobre 2019 e un’ulteriore accusa di non aver collaborato con l’indagine TIU. L’uomo ha ammesso la prima accusa e ha contestato la seconda.

Il caso è stato giudicato dal consigliere-auditore anticorruzione Ian Mill QC, il quale ha riscontrato che il signor Rocher non ha collaborato pienamente alle indagini e di conseguenza sarebbe stato sanzionato per sei mesi per i reati di scommesse e 18 mesi (con quattro sospesi) per incapacità di cooperare pienamente. I divieti saranno concomitanti, ovvero dalla data della sentenza (6 dicembre 2020) fino al 6 febbraio 2022. Al signor Rocher è vietato arbitrare o partecipare a qualsiasi evento di tennis autorizzato dagli organi di governo del tennis. Inoltre, è stato multato di $ 5000, con $ 4000 sospesi.