L’International Tennis Integrity Agency (ITIA) conferma oggi che il tennista spagnolo Aaron Cortes è stato sospeso per un periodo di 15 anni dopo aver ammesso di 35 violazioni del Programma anticorruzione del tennis (TACP).  

A seguito di un’indagine approfondita condotta dall’ITIA e dalle forze dell’ordine, Cortes, che nel settembre 2017 ha raggiunto il massimo della carriera nella classifica mondiale dei singoli di 955, ha ammesso 35 violazioni del TACP tra il 2016 e il 2018, tra cui l’aver truccato l’esito di eventi, l’accettazione di denaro per architettare l’esito degli eventi, mancata segnalazione di approcci corrotti, scommesse sul tennis e fornitura di denaro agli ufficiali del torneo in cambio di una wild card. Il giocatore è stato multato di 75.000 dollari, di cui 56.250 sospensioni.  

Cortes, 29 anni, ha collaborato pienamente con le indagini dell’ITIA e ha accettato una sanzione concordata, rinunciando al diritto di essere ascoltato davanti a un funzionario anti-corruzione indipendente. Il periodo di squalifica del calciatore inizia il 27 marzo 2024 e termina alla mezzanotte del 26 marzo 2039.   

Durante il periodo di squalifica, a Cortes è vietato giocare, allenare o partecipare a qualsiasi evento di tennis autorizzato o sanzionato dai membri dell’ITIA (ATP, ITF, WTA, Tennis Australia, Fédération Française de Tennis, Wimbledon e USTA) o qualsiasi associazione nazionale.   

L’ITIA è un organismo indipendente istituito dai suoi membri del tennis per promuovere, incoraggiare, migliorare e salvaguardare l’integrità del tennis professionistico in tutto il mondo