Questa settimana l’European Gaming and Betting Association (EGBA), insieme al processore di pagamenti Entercash, ha intentato una causa contro il Ministero della Cultura norvegese presso il Tribunale distrettuale di Oslo sulla politica del governo norvegese di cercare di bloccare i pagamenti online.

EGBA ritiene che il blocco dei pagamenti sia in violazione del diritto dell’Unione europea e della libertà dei processori di pagamento per svolgere attività commerciali nello Spazio economico europeo (SEE).

Invece di imporre misure restrittive di blocco dei pagamenti per proteggere le entrate del monopolio statale e respingere la concorrenza esterna da parte degli operatori con licenza UE, l’EGBA esorta il governo norvegese a intraprendere una revisione fondamentale di come il paese regola il gioco d’azzardo online.

L’adozione di un regime di multi-licenza – come nella grande maggioranza dei paesi SEE, compresi quelli con monopoli di proprietà statali esistenti – migliorerebbe il funzionamento del mercato norvegese del gioco d’azzardo online e porterebbe con sé molti altri benefici.

Il gioco d’azzardo online è un mercato orientato al consumatore, ma i monopoli limitano naturalmente la scelta del consumatore. Questa mancanza di scelta disponibile a livello locale potrebbe portare alcuni giocatori norvegesi a cercare altrove e giocare su siti web di gioco basati al di fuori della Norvegia – che non applicano né leggi norvegesi né pagano tasse in Norvegia.

L’introduzione di un regime di multi-licenza consentirebbe una maggiore varietà di prodotti, marchi e concorrenza sul mercato norvegese per soddisfare la domanda dei consumatori esistenti. Ciò renderebbe il mercato locale più attraente per i giocatori norvegesi e incoraggerà molti di loro a giocare su siti web che sono autorizzati e regolamentati in Norvegia – e non su siti web al di fuori di esso.

Questo è importante perché garantirebbe che più giocatori norvegesi siano protetti dalle leggi norvegesi quando giocano online e generino maggiori entrate fiscali per lo stato dall’attività di gioco locale.

“Nell’era digitale di oggi è praticamente impossibile far rispettare i confini nazionali su Internet, ma è quello che le autorità norvegesi stanno cercando di fare introducendo blocchi di pagamento per le scommesse online. Piuttosto che essere uno strumento a beneficio dei consumatori, tali misure restrittive mirano a proteggere le entrate del monopolio di proprietà statale eliminando la concorrenza esterna da parte di affidabili operatori con licenza UE. Ciò non solo viola i principi del mercato interno dell’UE, ma è in contrasto con la realtà di un mercato delle scommesse orientato al consumatore, in cui i giocatori cercheranno inevitabilmente su internet il valore e la scelta nei giochi a cui giocano.

Questa realtà è la ragione per cui stiamo vedendo i monopoli nazionali del gioco d’azzardo in tutta Europa lentamente sostituiti da regimi di multi-licensing che facilitano una migliore scelta del consumatore e consentono di migliorare il funzionamento dei mercati nazionali. La Norvegia è uno dei soli due paesi SEE che non hanno ancora un regime di licenze – ma è inevitabile che dovranno affrontare questa decisione prima o poi. L’introduzione di un regime di multi-licensing sarebbe vantaggiosa per entrambe le parti: incoraggerebbe una canalizzazione più efficace a vantaggio della protezione dei giocatori, un controllo locale più efficace delle attività di gioco e maggiori entrate fiscali per lo stato norvegese” ha detto Maarten Haijer, Segretario generale EGBA.