Gli uomini della Guardia di Finanza della Spezia stamane hanno riferito di avere denunciato 35 persone che hanno irregolarmente percepito il “reddito di cittadinanza” nel 2019 e 2020 per circa 254.000 euro. I casi sono stati segnalati all’Inps per la revoca ed il recupero del beneficio.

Significativi alcuni casi di persone dedite al gioco scoperte a Sarzana: un giocatore di “poker on-line”, il quale, in un biennio, ha scommesso oltre 1 milione di euro, e una donna che ha effettuato ricariche sul proprio conto-gioco per oltre 60.000 euro, investendo, tra gli altri, anche i 10.000 euro derivanti dal sostegno economico.

I controlli hanno preso in esame centinaia di posizioni, 62 sono state approfondite e in 35 ci sono state irregolarità tali da non dare diritto al reddito di cittadinanza.