Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Il nuovo player “Codere Scommesse”, con un’anima multinazionale e un cuore italiano, trova ispirazione nel grande successo spagnolo di Codere Apuestas e dall’esperienza storica in America Latina.

“Codere come azienda multinazionale ha maturato già negli ultimi anni larga esperienza nell’attività delle scommesse, inizialmente come esercente in Messico, poi dal 2000 abbiamo aperto il mercato in Spagna. Affrontiamo questo progetto con sicurezza, ma è importante affiancare chi in questo territorio ne sa più di noi” ha spiegato Alejandro Pascual, AD Codere Italia.

“Un’analisi del mercato delle scommesse è per noi il punto di partenza per valutare l’opportunità di fare business e su come farlo, abbiamo capito che nelle agenzie la marginalità è abbastanza ridotta, quindi per fare una proposta di valore che permetta un business a lungo termine serve trovare un equilibrio tra chi investe e chi gestisce. Oggi è difficile che questo accada, proprio per questo abbiamo dato vita alla partnership con Obiettivo 2016, per dare garanzie a chi vorrà lavorare con noi” ha proseguito Pascual.

“Noi puntiamo ad una attività a lungo termine, non a caso le scommesse sono molto seguite dai millennials e trainano anche l’altra parte dell’online. Vogliamo lo stesso approccio avuto con le awp, vicino ai gestori. Intendiamo portare la nostra conoscenza di questo business e mescolarla con chi di questa esperienza ha fatto una ragione di vita. Miriamo ad un’offerta innovativa e moderna come punto di forza e che garantisca un’esperienza di soddisfazione per il cliente” ha concluso l’AD Codere Italia.

REDDITIVITA’ AGENZIE DI SCOMMESSE

L’amministratore unico di Obiettivo 2016, Maurizio Ughi, ha sottolineato che “l’accordo con Codere riguarda principalmente il cliente, abbiamo avuto unità di intenti. Vogliamo un format che punti tanto sulla parte grafica e sulla compattezza, le agenzie sono infatti sempre più piccole e con costi di gestione che vanno al rialzo. Abbiamo puntato sulla tecnologia e sulla socialità all’interno del punto vendita, che deve essere una piazza, un luogo di aggregazione dove il cliente si incontra per parlare di scommesse. Quello che tiene in piedi la rete è il momento di socialità all’interno del punto vendita”.

“Ritengo che questa unione possa essere di lunga durata – ha proseguito Ughi – perchè condividiamo le stesse idee. Per iniziare aspettiamo che il regolatore prenda una decisione, i contratti senza scadenza non sono legalmente possibili, ci vuole un termine, quando questo verrà stabilito, che sia tramite una gara, una proroga o una apertura di mercato a quel punto il progetto potrà avere esecuzione. Aspettiamo di poter aggredire il mercato non solo con un progetto tecnologico, ma anche commerciale e innovativo” ha concluso l’amministratore unico di Obiettivo 2016.

Con “Codere Scommesse” l’offerta di Codere in Italia diventa quindi sempre più completa, e vicina alle esigenze degli operatori di gioco in cerca di un’attività vincente e sostenibile. Codere, attraverso la sua rete Codere Network, già rappresenta per i gestori di apparecchi da intrattenimento un partner prezioso. Questo emerge da una recente indagine di DeskMind Research realizzata tra i gestori collegati a Codere Network: su una scala da 1 a 10, il giudizio complessivo sulle attività del concessionario è vicino all’eccellenza. Risultano particolarmente positivi gli indicatori legati a: contact center per tempi di attesa, cortesia, qualità del servizio e copertura oraria; processi amministrativi AWP per semplicità nella richiesta del nullaosta e relativi tempi di rilascio, tempi di intervento del personale tecnico presso gli esercizi, risoluzione problemi tecnici, risoluzione problemi procedurali, semplicità nel censimento degli esercizi. Mediamente emerge che con 1,37 chiamate si riesce a parlare con un operatore che dà risposte tempestive e complete. Buone valutazioni anche per il portale gestori: per la facilità di utilizzo e per l’importanza delle informazioni contenute.

Nel 2016 sono circa 4.000 i terminali per scommesse sportive gestite dal Gruppo, il 15,7% in più rispetto al 2015. La prima esperienza nel 1998 in Messico, Paese in cui Codere ha dato inizio alla sua esperienza grazie a una sinergia con importanti partner locali. Presente a Panama e in Uruguay, dal 2006 Codere opera anche in Brasile. In Spagna è stata la prima azienda autorizzata a operare nelle scommesse sportive con l’inaugurazione della prima sala a Madrid nel 2008, ed oggi è leader assoluto del marcato spagnolo. Codere è sponsor ufficiale del Real Madrid, la squadra di calcio più titolata al mondo.

Commenta su Facebook