La Cisl di Fano aderisce a “Mettiamoci in gioco”, la campagna nazionale contro i rischi del gioco d’azzardo che ultimamente ha manifestato contrarietà a limitare il divieto di pubblicità per il betting, permettendo le sponsorizzazioni sulle maglie e negli stadi. Il sindacato sollecita inoltre un nuovo patto con il Comune, dopo che il precedente tavolo di confronto è saltato. “Diciamo basta alle slot – afferma con decisione Giovanni Giovannelli, segretario della Cisl –, quando si trovano in locali a due passi dalle scuole o da altri luoghi molto frequentati dai giovani. Avevamo raggiunto un accordo sul cosiddetto ‘distanziamento’, ovvero lo spostamento ad almeno 200 metri delle slot, ma è caduto tutto nel vuoto, anche a causa delle forti resistenze dei gestori. Il Comune, che vanta Fano come città dei bambini, dovrebbe dimostrare una maggiore coerenza e promuovere un progetto di educazione al gioco responsabile. A causa della pandemia, il gioco d’azzardo è cresciuto vertiginosamente, coinvolgendo anche i giovanissimi”.

Lo riporta ilrestodelcarlino.it.