Oggi, giovedì 22 ottobre 2020, il personale della Divisione di Polizia Amministrativa, Sociale e dell’Immigrazione della Questura di Como ha controllato alcuni esercizi pubblici del territorio.

Advertisement

Nel corso di uno dei controlli, effettuato in collaborazione con personale del Comando Stazione dell’Arma dei Carabinieri di Porlezza (CO), si è proceduto alla chiusura di una sala giochi. L’attività risultava aperta e operante nonostante l’Ordinanza Regionale del 16 ottobre avesse decretato la sospensione delle attività delle sale giochi ai fini del contenimento della diffusione del Coronavirus. Il titolare dell’esercizio, è stato sanzionato con una multa da 400 euro (ridotta a euro 280,00 se pagata entro 5 giorni), anche per non avere osservato alcune disposizioni di legge, specificamente previste per il contenimento del contagio (la misurazione della temperatura ai dipendenti). Alla luce delle vigenti disposizioni normative, si è proceduto all’immediata chiusura della sala slot.

“Della suddetta sanzione sarà altresì informato l’Ufficio Territoriale del Governo di Como per la successiva sospensione quale sanzione accessoria dell’attività di competenza del Prefetto all’atto della riapertura delle sale giochi”, fa sapere la Questura.