Sembra ormai sia cosa fatta. Secondo indiscrezioni il decreto per le regole tecniche degli apparecchi a vincita con abilitazione ‘da remoto’ avrebbe lasciato gli uffici dell’Amministrazione dei Monopoli di Stati per approdare a Bruxelles, presso la Commissione Ue.

La legge di Stabilità 2019 (legge 30 dicembre 2018, n. 145), come ricordiamo, ha infatti previsto che le “regole tecniche di produzione degli apparecchi comma 6 a (…) che consentono il gioco pubblico da ambiente remoto, da emanare con decreto del ministro dell’Economia e delle finanze ai sensi dell’articolo 1, comma 943, della legge 28 dicembre 2015, n. 208” dovesse essere notificato alla Commissione europea, ai sensi della direttiva (UE) 2015/1535 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 settembre 2015, entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della Manovra stessa.

Con qualche giorni di ritardo (appena una manciata), e il giorno prima della prevista audizione alla Camera del direttore dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli, Benedetto Mineo, il decreto di regole tecniche delle AWP-R è quindi arrivato alla stesura definitiva.

AWP-R è un acronimo che sta ad indicare gli apparecchi a vincita controllati da remoto introdotti dal legislatore con la Legge di Stabilità 2016. Lo stesso provvedimento aveva previsto la sostituzione di tutti gli attuali apparecchi AWP sul mercato nel periodo 2017-2019 (con completamento della sostituzione previsto entro il dicembre 2019) appunto con gli apparecchi di nuova generazione e rinnovate caratteristiche (detti AWP-R).

Tre anni dopo lo stesso tipo di provvedimento legislativo, ovvero la manovra finanziaria, ha portato una proroga dei termini di rilascio degli attuali nulla osta e dell’avvio dell’emissione di quelli nuovi per le slot da remoto, spostandoli, rispettivamente al 31 dicembre 2019 e al 31 dicembre 2020.

Oggi il lavoro di stesura del decreto di regole tecniche, secondo indiscrezioni sarebbe stato concluso. La soluzione è un apparecchio le cui caratteristiche, in parte, sono state formulate nel decreto di regole tecniche delle AWP3, una versione di Newslot mai arrivata in fase di produzione. Nessuna modifica alla giocata massima consentita e alla vincita, così come al ciclo delle partite.

Confermata l’introduzione della tessera sanitaria come strumento per impedire l’utilizzo da parte dei minori, così come per altro esplicitato nel testo del decreto legge su Reddito di Cittadinanza e Quota 100.

Quanto alle altre caratteristiche degli apparecchi vanno ricondotte all’utilizzo della connessione in rete come strumento di controllo che può, tra l’altro, inibire o riattivare le funzioni di raccolta di gioco.

Sempre da remoto sarà possibile inibire l’utilizzo delle macchine da gioco in particolari fasce orarie – programmate in base alle regole territoriali per l’esercizio – così da garantire il rispetto dei limiti orari di funzionamento.

Resta confermata, come previsto per le AWP3, una maggiore sicurezza dell’offerta di gioco riducendo i rischi di manomissione dei contenuti di gioco e una maggiore tracciabilità, grazie all’archiviazione digitale di ogni attività di manutenzione.

L’elemento novità, anche questo confermato, l’attivazione di alert contenenti messaggi relativi al rischio ludopatia.

Tali alert saranno mostrabili sul display con cadenza regolare e durante le fasi del gioco che si prolungano eccessivamente nel tempo e nella spesa.