Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – «Io ho la coscienza a posto. La nuova legge che presentiamo in consiglio regionale sul gioco d’azzardo, recepisce i termini dell’intesa raggiunta in Conferenza delle regioni con il governo, non senza una lunga gestazione e penso si sia trovato un buon equilibrio a livello nazionale. Non si tratta di una sanatoria, perchè si prevede una progressiva riduzione sino al 50% delle slot machine».

Il presidente della Regione Giovanni Toti risponde a Repubblica alle critiche arrivate dalle associazioni, dal Pd, dal M5S e dal Cardinal Bagnasco.

«Intorno all’azzardo le esigenze sono molteplici e devono stare in equilibrio. Quando
in Italia alcuni anni fa si decise di legalizzarlo, lo si fece nella convinzione che il gioco illegale avesse creato amplissime sacche di guadagno e di gestione da parte della criminalità organizzata. Dopo alcuni anni si è arrivati a una nuova formulazione che tenga conto della ludoptatia, che è cresciuta nel frattempo insieme con una maggiore sensibilità sul problema».

Non bisogna “ignorare un fenomeno che c’è e cercare di regolamentarlo, senza lasciarlo alla criminalità organizzata e garantire agli esercizi commerciali che campano anche grazie a questo la possibilità di sopravvivere”.

Secondo la nuova legge della Regione Liguria, “è previsto che cali il numero di punti all’interno dell’esercizio. Ma già a fine aprile in Liguria il gioco si ridurrà, è prevista una graduale eliminazione di slot sino al 50%. La normativa non è un testo blindato, anche se ho già spiegato che ritengo imprescindibili gli elementi del legislatore nazionale. Sono aperto alla discussione e molto verrà lasciato all’autonomia dei sindaci – prosegue Toti -. L’accordo raggiunto con il sottosegretario Baretta prevede che le regioni applichino uniformemente i criteri adottati, e noi ci siamo regolati di conseguenza, cosa che ritengo giusta perché altrimenti si determinerebbero effetti perversi, con paesi a poca distanza di chilometri uno dall’altro ma in regioni diverse, in cui c’è e non c’è la slot. Poi, è stata lasciata facoltà a alcune regioni particolarmente colpite di inasprire la normativa nazionale. Qualcuno ha gettato il cuore oltre l’ostacolo, con normative più restrittive, gli auguro in bocca al lupo ma non è detto porti risultati efficaci, si rischia di lasciare al gioco illegale margini di crescita ulteriore. Senza contare che questi esercizi, oltreché posti di lavoro hanno una valenza sociale. Per alcuni esercenti una o due slot consentono al bar tabacchi di restare aperto e di essere l’unico presidio in paesi che altrimenti chiuderebbero. E ricordo che noi non abbiamo alcun interesse economico, perché il gettito del gioco d’azzardo finisce tutto nelle casse dello Stato”, conclude Toti. “La vera questione è anche un’altra. Il vizio del gioco si combatte a monte anche con campagne educative e questo nella legge è previsto”.

Commenta su Facebook