“La Norvegia sta perdendo il controllo del suo mercato del gioco online poiché i giocatori rifiutano il monopolio statale e si riversano sui siti web internazionali in cerca di una scelta più ampia. Ma il multi-licensing offre una soluzione”. Lo scrive Maarten Haijer (nella foto), Segretario generale dell’European Gaming and Betting Association (EGBA).

“Il gioco d’azzardo ha una presenza consolidata nella cultura norvegese. Nella mitologia norrena il dio imbroglione Loki vinse una famosa scommessa, la scommessa di Loki, che illustra come un errore logico possa invalidare un argomento. La storia mi ha fatto pensare a un altro errore nel rapporto della Norvegia con il gioco d’azzardo online: che il suo monopolio statale è necessario per controllare meglio l’attività di gioco d’azzardo online nel paese.

La Norvegia giustifica il suo monopolio con la premessa che lo stato è in una posizione migliore, rispetto alle società private, per controllare il gioco d’azzardo online e proteggere i giocatori dal gioco d’azzardo problematico. Ma questo argomento, come la scommessa di Loki, si basa su un errore: sono le normative di un paese e le tutele dei consumatori che controllano il gioco d’azzardo online e proteggono i giocatori, non se esiste un monopolio o meno.

I monopoli limitano naturalmente la scelta e sono incompatibili con la natura del gioco d’azzardo online che è, come molti settori digitali, un mercato fortemente guidato dai consumatori. È una lezione appresa altrove in Europa, ma altrettanto vera in Norvegia. I suoi consumatori sono esperti di Internet, sono sensibili ai prezzi e all’innovazione, cercano attivamente una maggiore scelta e alternative, e queste sono prontamente disponibili su Internet.

Il monopolio norvegese ha portato a un minor controllo sull’attività di gioco d’azzardo online del paese, non di più. Ecco perché non sorprende che così tanti norvegesi guardino oltre il monopolio e scelgano di giocare su siti web internazionali che offrono loro scelta e prezzi migliori rispetto al monopolio. Si stima che il 66% dell’attività di gioco d’azzardo online della Norvegia ora si svolga su siti web internazionali, il che significa che il paese ha perso il controllo di oltre la metà del suo mercato di gioco d’azzardo online, sta perdendo circa 2 miliardi di NOK di entrate fiscali aggiuntive ogni anno, e molti dei suoi giocatori non sono protetti dalle leggi norvegesi. Questo è un problema significativo per garantire che il monopolio faccia ciò che dice: controllare il gioco d’azzardo online e proteggere i giocatori. Se i norvegesi giocano con i siti web internazionali non c’è modo per lo stato di controllare la loro attività o di proteggerli.

I norvegesi non sono protetti dal loro monopolio meglio degli altri europei. Nonostante la protezione dei giocatori sia l’obiettivo chiave del suo monopolio, il tasso di gioco problematico della Norvegia è raddoppiato in 7 anni ed è più di quattro volte superiore a quello della Spagna o del Regno Unito, paesi che non hanno il monopolio del gioco d’azzardo. Non ci sono quindi prove convincenti che i norvegesi siano in alcun modo meglio protetti dal loro monopolio rispetto agli europei che vivono in paesi che non hanno il monopolio. Ciò mette ulteriormente in discussione il successo del modello monopolistico del paese.

Il multi-licensing è un modo più efficace per regolamentare il gioco d’azzardo online. I difetti del modello di monopolio sono ben noti ed è per questo che quasi tutti gli altri paesi europei hanno sostituito i monopoli con un modello di licenze multiple più efficace per la regolamentazione del gioco d’azzardo online. Consentendo a più aziende di ottenere una licenza per essere sul mercato, il multi-licensing crea la concorrenza e la scelta necessarie per incoraggiare più giocatori d’azzardo a giocare sui siti web che sono effettivamente autorizzati dalle loro autorità locali, piuttosto che su siti web che non sono autorizzati e cadono al di fuori del controllo e della supervisione delle loro autorità. In un mercato con più licenze, le società autorizzate devono applicare una serie di normative e tutele dei consumatori che fanno parte delle regole di licenza locali. Il rispetto di queste regole di licenza è monitorato e applicato dal regolatore del gioco d’azzardo del paese, assicurando che la responsabilità del controllo del livello di protezione dei consumatori rimanga alle autorità.

Altri paesi nordici hanno beneficiato della sostituzione dei loro monopoli del gioco d’azzardo online. Sia la Danimarca che la Svezia hanno sostituito con successo i loro monopoli del gioco d’azzardo online con licenze multiple e hanno ottenuto risultati significativamente positivi. Sebbene le normative in entrambi i paesi non siano perfette e possano essere migliorate, l’introduzione del multi-licensing ha permesso loro di ridurre significativamente la quantità della loro attività di gioco d’azzardo online che si svolge sui siti web internazionali e sono ora in una posizione molto migliore per controllare il loro mercati del gioco d’azzardo online. Ora stanno generando più entrate fiscali dal gioco d’azzardo online e più giocatori sono protetti dalle leggi nazionali, il che è particolarmente importante per affrontare il problema del gioco d’azzardo. Entrambi i paesi hanno anche dimostrato che è possibile per società private ed ex società monopolistiche coesistere in un mercato con più licenze senza mettere a repentaglio le entrate del monopolio statale.

I vantaggi di sostituire il monopolio norvegese sono evidenti. Un modello di multi-licenza consentirebbe alla Norvegia di ridurre in modo significativo la quantità di attività di gioco d’azzardo online che si svolgono sui siti web internazionali – dal 66% al 5% – nel primo anno di multi-licenza. Certo, ci sarebbero delle sfide nel farlo, ma i vantaggi sono troppo grandi per essere ignorati. È giunto il momento per la Norvegia di avere un ripensamento fondamentale su come regola il gioco d’azzardo online. È chiaro che i norvegesi scelgono sempre più di non giocare con il monopolio, ed è meglio soddisfare, piuttosto che ignorare, la loro richiesta di alternative. L’esperienza ci mostra che i monopoli del gioco d’azzardo online inevitabilmente falliscono, e la Norvegia dovrebbe guardare alla Danimarca e alla Svezia dove la multi-licenza, sebbene non perfetta, si è rivelata un modello molto più ottimale per il controllo del gioco d’azzardo online. Solo facendo lo stesso la Norvegia può correggere l’errore alla base del suo monopolio e la mancata regolamentazione del gioco d’azzardo online”.