“Il 29 aprile a Roma, dalle 15 alle 19, in piazza Oderico Da Pordenone, si svolgerà la manifestazione dei lavoratori del Lazio per contestare gli effetti della legge regionale del Lazio sul gioco legale. L’amministrazione regionale del Lazio ha ritenuto opportuno limitare a 18 mesi, dall’entrata in vigore della legge, l’operatività delle aziende del gioco legale, che vedrà il termine ultimo in agosto. La manifestazione, pertanto, vuole denunciare gli effetti distorsivi della legge che, inevitabilmente, spiegherà i suoi effetti nei confronti dell’occupazione, oggi messa a dura prova anche dal protrarsi delle chiusure”. Così in una nota AsTro.

“Per queste ragioni, i Consiglieri dell’Emilia Romagna hanno deciso di appoggiare la manifestazione inviando una delegazione di lavoratori. I presenti saranno:

NAZIONALE ELETTRONICA – DANILO FESTA

ROMAGNA GIOCHI – RICCARDO SOZZI.

ALBERICI – FABRIZIO ALBERICI

RICREATIVO B – BEPPE IORI

B. VIDEOGAMES – DAVIDE RICCI BITTI

MODENA GIOCHI – ROBERTO GIULIANI

DONDOLINO – MAURIZIO PEDRAZZI

BALDAZZI STYL ART – ETTORE BALDAZZI

Nel Lazio, Piemonte ed Emilia Romagna le amministrazioni regionali stanno espellendo il gioco legale e questo ha avuto, come conseguenza immediata e diretta, una recrudescenza dell’illegalità nel territorio. Il 29 aprile, pertanto, sarà l’occasione per difendere il lavoro ed i dipendenti da approcci proibizionisti attuati nei confronti del settore legale”.