Print Friendly, PDF & Email

CASINO’ – Nuovo passo per cercare di sanare la drammatica situazione di Campione d’Italia, dopo la dichiarazione di dissesto finanziario del Comune e la chiusura del Casinò per fallimento lo scorso luglio.

Il prossimo 25 settembre la delegazione del pubblico impiego del Comune di Campione è stata convocata dal Sottosegretario Carlo Sibilia in audizione alla commissione Finanze degli Enti Locali.

«Porteremo l’attenzione sulle peculiarità dei servizi a rischio, affinché si comprenda che il piano di esuberi mette in difficoltà un’intera comunità – spiega Vincenzo Falanga, segretario della Uil Funzione Pubblica di Como – Campione si trova fuori dal confine italiano e ci sono dei servizi gestiti interamente al suo interno: parliamo del trasporto pubblico, della scuola dell’infanzia, della polizia locale, che si occupa anche della navigazione e della sorveglianza del Ceresio».

«Porteremo inoltre sul tavolo della commissione la questione dei controllori della Casa da gioco, impiegati per vigilare sull’attività ai tavoli. Campione ha tanti aspetti particolari che altri comuni non hanno e ora è un territorio in forte difficoltà», conclude l’appello Vincenzo Falanga.

Prossima tappa, quindi, il 25 settembre a Roma: prima di quella data, secondo Falanga, «Non dovrebbero esserci grosse novità. Tutte le dinamiche sulle quali discutere – dice il sindacalista – sono già state incanalate nella giusta direzione. La speranza, ora, è che la commissione riveda il piano degli esuberi e rimetta in piedi i servizi necessari alla comunità», va ricordato come lo scorso 4 settembre, nell’incontro convocato dal prefetto di Como, Ignazio Coccia, con i rappresentanti dei lavoratori di Casinò e Comune era stato confermato ufficialmente quanto molti speravano, ovvero l’apertura di un tavolo di discussione a livello centrale che si è infatti messo al lavoro.

Commenta su Facebook