“Con l’ Osservatorio Italiano Esports – afferma Luigi Caputo – abbiamo sviluppato una ricerca che segna un importante approfondimento della composizione dei gamers in Italia.

Insieme al nostro monitoring partner SOPRISM abbiamo analizzato le differenze e gli aspetti in comune tra donne e uomini nel gaming. Sono emersi dati assolutamente interessanti:

📌 Le donne appassionate di gaming si concentrano nella fascia d’età 18-24. Gli uomini arrivano fino ai 34 anni.

📌 Il Veneto è una regione a prevalenza maschile. Lazio e Sicilia sono le regioni rosa. Lombardia, Campania ed Emilia Romagna invece sono terreni comuni.

📌 Tra i videogiochi, Fortnite e FIFA sono più apprezzati dagli uomini, mentre World of Warcraft ha una prevalenza femminile.

📌 Tra le piattaforme, Netflix è nettamente preferita dalle donne

Questo è un importante lavoro di ricerca, che scende in profondità per capire la reale composizione del pubblico gaming italiano. Fa parte del Centro Studi dell’OIES, il più grande database di dati sul gaming in Italia, che si arricchisce di un’altra perla.

L’Osservatorio continua il suo lavoro di divulgazione sul mondo Esports e gaming, accompagnando le aziende nella comprensione delle opportunità di questo settore.

Ecco il link per approfondire altri dettagli:

https://lnkd.in/dgdVkdja“.

Articolo precedenteSenato, dossier “Misure urgenti di sostegno nel settore energetico e di finanza pubblica”: credito d’imposta per adeguamento a nuova lotteria scontrini, ecco tutti i dettagli
Articolo successivoAppassionati di gaming in Italia: gli uomini giocano fino a 34 anni, le donne fino a 24. Più giocatori in Veneto, le regioni rosa sono Lazio e Sicilia